Corsair iCUE 4000X RGB è il nuovo telaio che il costruttore ci presenta per dare il tocco più moderno e fresco al nostro computer. Si tratta di una scatola a mezza torre con misure molto compatte completamente bianca e con vetri laterali e frontali. In esso sono stati installati tre ventilatori A-RGB e un controller Lighting Node Pro con capacità per 6 unità, che supporterà il telaio.

Supporta piastre E-ATX e radiatori da 360 mm, con filtri antipolvere di ottima qualità in tutti gli ingressi e le uscite dell’aria. Un grande telaio che unisce design e qualità per configurazioni non troppo cariche di hardware che analizzeremo per tutti quelli che seguono. Cominciamo!

Prima di iniziare, vorremmo ringraziare Corsair per averci affidato questo telaio per l’analisi.

Corsair iCUE 4000X RGB Caratteristiche tecniche

Unboxing

Corsair iCUE 4000X RGB Review

Come di consueto, il Corsair iCUE 4000X RGB arriverà in una rigida scatola di cartone con un grande logo del marchio posto dietro lo schizzo di un telaio completamente smontato in parti per apprezzarne la capacità modulare, che in questo caso è standard. Le specifiche sono distribuite sulle facce laterali, ma non sono complete.

Procediamo ad aprire questa scatola dall’alto per rimuovere il telaio dall’interno. Questo è fissato a due stampi in polietilene espanso ad alta densità al posto del tipico sughero, per proteggere molto meglio le parti in vetro. Tutti gli accessori sono forniti all’interno del telaio.

Corsair iCUE 4000X RGB Review

Il pacchetto di acquisto è composto dai seguenti elementi:

  • Telaio Corsair iCUE 4000X RGB
  • Manuale di istruzioni
  • Clip in plastica e velcro
  • Viti di montaggio

Quando si tratta di assemblaggio, ci mancherà un hub per collegare e fornire energia a tutti i ventilatori. In sua assenza, dovremo utilizzare le intestazioni che il nostro consiglio di amministrazione porterà. Per il resto, tutto è corretto e senza problemi.

Design esterno

Corsair iCUE 4000X RGB Review

Nonostante la distanza, il telaio ricorda un po’ il Corsair iCUE 465X con un grosso frontale che gli conferisce molta personalità, anche se in questo caso è più raffinato di quello citato prima. Ha il vetro temperato su entrambi i lati e il frontale completamente trasparente per permettere di vedere perfettamente l’interno. Il resto del telaio è in acciaio di buon spessore e con una propria personalità in quanto interamente verniciato di bianco. Solo gli elementi come i telai frontali in plastica o il filtro superiore saranno di colore grigio chiaro. Inoltre, un’altra versione sarà disponibile in nero.

In questo caso sono incluse ventole con illuminazione A-RGB, dando parte del nome allo chassis in quanto compatibili con il software iCUE grazie al fatto di avere un microcontrollore Lighting Node Core per gestire fino a 6 unità. Le misure sono quelle di un telaio compatto quasi delle dimensioni di un micro ATX, con 466 mm di altezza, 230 mm di larghezza e 453 mm di profondità.

Analisi estetica dettagliata

Corsair iCUE 4000X RGB Review

Partendo dal lato sinistro del Corsair iCUE 4000X RGB, una delle nuove caratteristiche è quella di avere bordi bianchi brillanti per incorniciare il vetro e non mostrare i bordi metallici del telaio. Sembra ovvio, ma è il primo telaio del costruttore che non ha questi telai in nero, conferendogli un’eccellente e raffinata estetica.

Inoltre, si combina perfettamente con l’involucro anteriore grigio chiaro accanto alle gambe, che in questo caso sono integrate nella parte anteriore. Dà loro un sollevamento di 30 mm da terra. Il sistema di installazione del pannello è costituito da un telaio di rinforzo in metallo che ha delle linguette sul bordo anteriore e si inserisce a scatto dietro per lasciare il vetro in posizione anche senza viti. Tuttavia, sono state montate due viti posteriori per garantire una maggiore sicurezza.

Corsair iCUE 4000X RGB Review

Andremo sul lato opposto del Corsair iCUE 4000X RGB, che in questo caso non ha molto del segreto essendo un lato con la piastra opaca nel colore principale del telaio. Il sistema di fissaggio è esattamente lo stesso di quello menzionato prima, e la verità è che è una meraviglia quando ci sono molti cavi nella zona ed è difficile fare la chiusura. Altre due viti con filettatura a mano posteriore tengono ferma la piastra in modo che non si stacchi. Sempre più spesso i telai si lasciano alle spalle il sistema ferroviario tradizionale a favore di questi più funzionanti.

Corsair iCUE 4000X RGB Review

Proseguiamo ora con l’area frontale, che sembra avere alcune cose interessanti da menzionare. Prima di tutto, il telaio anteriore in plastica rigida (quello grigio) non può essere rimosso a meno che non si tolgano le viti che lo tengono fissato al telaio. Sarà invece il vetro di questa zona a poter essere rimosso per lavorare sui tre ventilatori della serie ML 120 che comprende.

Il sistema di fissaggio di questo vetro si basa anche su punti di ancoraggio a scatto, due sopra e due sotto, quindi procedere con cautela nella rimozione. Il sistema sembra essere abbastanza sicuro, in quanto il vetro è molto ben fissato e senza alcun gioco, e si può gestire l’area senza alcun problema. L’aria entra da entrambi i lati del vetro, che dietro di esso, troviamo un eccellente filtro per la polvere a grana fine che può essere rimosso e perfettamente lavato, che manterrà perfetto il nostro hardware.

Corsair iCUE 4000X RGB Review

Andiamo nella zona superiore, anch’essa non rimovibile, ad eccezione del grande filtro antipolvere magnetico che mantiene una zona che ammette ventilatori da 120 e 140 mm al sicuro dalla sporcizia. In questo caso è a grana media, come di solito accade con questi formati magnetici, e ci è piaciuto molto il suo colore grigio.

Corsair iCUE 4000X RGB E/S

Proprio nella parte anteriore abbiamo a disposizione il pannello delle porte di I/O, che questa volta è in realtà un po’ corto. Avremmo voluto avere più porte USB perché ne troveremo solo due, anche se almeno sono ad alta velocità. Così abbiamo fatto:

  • Pulsante di accensione
  • 1x USB 3.2 Gen1 Tipo A
  • 1x USB 3.2 Gen2 Tipo C
  • Jack combo da 3,5 mm per audio e microfono
  • Pulsante di reset

Corsair iCUE 4000X RGB Review

Continuiamo ora con la zona posteriore, dove Corsair ha sfruttato la larghezza extra del telaio per includere il supporto verticale delle GPU. In questo caso supporterà 2,5 slot card, anche se sarebbe consigliabile avere solo 2 slot in modo che l’aria possa entrare nelle ventole. Oltre a questi, abbiamo 7 slot di espansione, e guardate qui, nessun ventilatore preinstallato. Sarà compito dell’utente acquisirne uno e installarlo per migliorare il raffreddamento.

Corsair iCUE 4000X RGB Review

La parte inferiore ha un altro filtro per la polvere a grana fine per l’area di alimentazione, che è rimovibile e lavabile. L’altra regione ha un cabinet per l’hard disk che può essere posizionato in tre diverse posizioni a seconda dello spazio necessario per i cavi e l’alimentatore.

Il lavoro di progettazione del Corsair iCUE 4000X RGB è eccellente, le finiture sono impeccabili e senza difetti estetici in plastica e metallo. Grande lavoro da parte di Corsaro, come siamo sempre stati abituati.

Corsair iCUE 4000X RGB interno e montaggio

Corsair iCUE 4000X RGB Montaje

Lo spazio interno del Corsair iCUE 4000X RGB è suddiviso nelle tre tipiche regioni, per l’hardware principale, il cablaggio e l’alimentazione. Al posto dei fori, abbiamo un intero lato della scheda per tirare i cavi nel vano principale, in stile NZXT e molto ben nascosto senza bisogno di gomme protettive.

Per tirare i cavi a tutte le aree della scheda, abbiamo due grandi fori nel coperchio metallico dell’alimentatore, altri due nella parte superiore per le connessioni EPS, e il foro centrale per lavorare sul dissipatore di calore senza disinstallare la scheda madre. Inoltre, nel coperchio inferiore abbiamo il foro corrispondente per ospitare i sistemi di raffreddamento a liquido con ventilatore. Oltre a un soffitto forato per raffreddare un po’ la zona, che, se guardiamo da vicino, ha due aree per installare le staffe SSD.

Corsair iCUE 4000X RGB Review

Il Corsair iCUE 4000X RGB è compatibile con le schede Mini ITX, Micro ATX, ATX e anche E-ATX fino a 277 mm. Questi ultimi non sono raccomandati in quanto c’è poco spazio sul lato per tirare i cavi. Supporterà dissipatori di CPU fino a 170 mm di altezza e schede grafiche fino a 360 mm di lunghezza. Abbiamo già detto che supporta supporti verticali, e che questi non dovrebbero superare le 2 fessure (4 cm) per lasciare un po’ di spazio per far respirare i ventilatori.

La regione di cablaggio del Corsair iCUE 4000X RGB ha uno spessore di circa 23 mm per la posa dei cavi nell’area più ampia. Ci si deve aspettare che sia necessario anche lo spazio per due SSD e lo spazio occupato dal microcontrollore. È stata installata almeno una canalina per cavi con diverse clip in velcro in modo da poter fissare i cavi provenienti dal pannello di I/O e altri cavi. Naturalmente dobbiamo aggirare questa zona per far arrivare almeno il cavo ATX alla scheda e lo spessore qui sarà molto stretto. Lo spazio inferiore ha una capacità di alimentazione fino a 180 mm con il mobile HDD installato, e fino a 220 mm se lo rimuoviamo.

Capacità di stoccaggio

Corsair iCUE 4000X RGB Almacenamiento

Lo spazio di archiviazione su questo telaio Corsair iCUE 4000X RGB è abbastanza standard, anche se è possibile aggiungere altri articoli nello scomparto principale, come spiegheremo ora. Ha spazio per 4 unità di stoccaggio, espandibili a 6 in fabbrica.

Per quanto riguarda la capacità per gli HDD da 3,5 pollici abbiamo il mobile che abbiamo visto prima. Questo ha due spazi disponibili e dei buoni vassoi di plastica dura rimovibili. Sono anche compatibili con le unità da 2,5 pollici sia SSD che HDD. Il loro design è abbastanza standard, senza piedini antivibrazione o sistema di installazione rapida. L’armadio sarà completamente rimovibile, o può essere posizionato in tre diverse posizioni.

Corsair iCUE 4000X RGB Review

La seconda regione per l’installazione di 2 x 2,5″ SSD si trova dietro la piastra della scheda madre. Ecco due staffe nere che sembrano essere state ridisegnate per una migliore estetica. Sono dotati di una vite filettata a mano e di due linguette di bloccaggio per una facile rimozione e installazione degli azionamenti.

Questo miglioramento estetico delle staffe sarà utile nel caso in cui volessimo spostarle nel vano principale dell’hardware. Sul coperchio dell’alimentatore potremmo posizionare altre due staffe dello stesso stile, sia per lasciare visibili le nostre unità, sia per aggiungere altri due spazi al telaio.

Capacità di ventilazione

Continuiamo ora con un fattore importante come la capacità di ventilazione del Corsair iCUE 4000X RGB. Anche in questo caso, potremmo considerarla una capacità standard in torri così compatte orientate alla gamma medio/alta.

Corsair iCUE 4000X RGB Ventiladores

Così avremo la capacità per questi tifosi:

  • Anteriore: 3x 120 / 2x 140mm
  • Coperchio superiore: 2x 120 / 2x 140 mm
  • Posteriore: 1x 120 mm

Una buona capacità che, se regolata al massimo, avrebbe potuto darci anche tre ventilatori superiori, anche se due sono sufficienti. Sul lato anteriore abbiamo tre ventilatori Corsair preinstallati della serie ML 120, compatibili con il controllo PWM e testate a 3 pin per il collegamento. Sebbene le loro prestazioni non siano specificate, saranno simili ai LED ML120 PRO, con una pressione statica di 1,78 mmH2O, un flusso d’aria di 47 CFM, un rumore di 25 dBA e una velocità fino a 1600 RPM.

La presa d’aria è almeno assicurata, anche se ci manca un ventilatore nella zona posteriore per estrarre l’aria calda. Se non abbiamo intenzione di acquistare altri ventilatori, raccomandiamo che almeno un ventilatore anteriore sia posizionato nella parte posteriore, anche se per mantenere l’estetica, dovremmo acquistare un ventilatore separato uguale a quelli che abbiamo nella parte anteriore o simili per integrarli nel sistema di illuminazione.

Teniamo anche conto del fatto che il controller installato sul retro serve solo a gestire l’illuminazione. Le ventole in questo caso dovrebbero essere collegate agli header sulla scheda madre, in quanto Corsair non ha incluso un hub per collegarle tutte insieme, che sarebbe stato l’ideale per non avere così tanti cavi che disturbano. Almeno in questo modo possiamo gestire il numero di giri di ciascuno dal BIOS in modo indipendente.

Corsair iCUE 4000X RGB Review

La capacità totale dei sistemi di raffreddamento sarà la seguente:

  • Anteriore: 120 / 140 / 240 / 240 / 280 / 360 mm
  • Coperchio superiore: 120 / 140 / 240 / 280 mm
  • Posteriore: 120 mm

Questa volta non poteva mancare la capacità per sistemi fino a 360 mm nella parte anteriore. Se abbiamo uno di questi, sarebbe bello riposizionare i tifosi davanti e dietro senza perdere la loro utilità. Oppure, se tiriamo un supporto da 280 o 240 mm, possiamo posizionarlo perfettamente in cima, sostenendo grandi spessori in quanto non intralcia la scheda o le memorie di alto profilo.

Naturalmente non sarà possibile installare un sistema di raffreddamento personalizzato, in quanto non ha spazio sufficiente per un serbatoio dell’acqua, o almeno non sarà un telaio consigliato. Nella zona anteriore abbiamo uno spazio di circa 6 cm per i ventilatori + radiatore, rimanendo parte di esso nella zona inferiore se è di 360 mm come accade con i ventilatori.

Installazione e montaggio della ferramenta

Corsair iCUE 4000X RGB Montaje

L’hardware che abbiamo utilizzato per montare sul telaio Corsair iCUE 4000X RGB è il seguente:

  • Scheda madre Asus Crosshair VIII Hero
  • CPU AMD Ryzen 7 2700X
  • Dissipatore di calore AMD Wraith Prisma Wraith da magazzino
  • 16 GB DDR4 RAM G.Skill Trident-Z NEO
  • Scheda grafica AMD Radeon Vega 56
  • Antec HGC Gold 750 PSU con Cablemod
  • SSD M.2 Silicon Power 1 TB

Vedremo come si comporta il telaio senza avere una ventola in modalità di estrazione, anche se il flusso misto faciliterà il rinnovo dell’aria. Dopo il montaggio della piastra, abbiamo spazio più che sufficiente per radiatori o ventilatori. Il fatto che il telaio di installazione sia inclinato verso il lato sinistro rende il lavoro più facile e più compatibile.

Dopo di che si procede all’installazione dell’alimentatore inserendolo per la zona laterale. In questa occasione non abbiamo utilizzato prolunghe sui cavi EPS in quanto abbiamo uno spazio piuttosto ristretto per il routing, ma le abbiamo utilizzate sulle altre connessioni. Allo stesso modo, abbiamo dovuto spostare il cabinet dell’hard disk per lasciare un po’ più di spazio per i cavi, perdendo così spazio nella zona delle ventole (quest’ultima è opzionale).

Per quanto riguarda l’instradamento, la colonna centrale non sarà molto utile, dato che l’ingresso dei cavi si trova accanto ad essa. Potremmo fissare i cavi che vanno alla scheda grafica, anche se lo spessore totale supererebbe lo spessore totale supportato nella zona, lasciando la piastra laterale sicuramente curva. Il cavo ATX è meglio gettarlo sotto, anche se sarà un po’ difficile anche per le connessioni del disco rigido.

Corsair iCUE 4000X RGB Review

I cavi che abbiamo trovato nel telaio e che richiederanno il collegamento, saranno i seguenti:

  • Connettore USB-C 3.2 Gen2 (richiede testata)
  • Connettore per USB 3.2 Gen1
  • Testata audio del pannello frontale
  • Intestazioni per il sistema di avvio (venire separatamente senza F_Pannel)
  • 3x testate ventilatore a 3 poli
  • Connessione di alimentazione SATA per microcontrollore
  • Microcontrollore USB 2.0 Header

Quindi una delle intestazioni interne USB 2.0 deve essere occupata per il collegamento al software Corsair iCUE. Un microcontrollore ibrido che supporta anche la gestione delle ventole in stile Commander CORE sarebbe stato fantastico, ma questo non è stato possibile.

Per il resto, non abbiamo avuto problemi con il montaggio, e la scheda ATX che usiamo ha un sacco di spazio. Anche se non è un telaio così buono per le schede E-ATX, in quanto il sistema di instradamento laterale dei cavi porrebbe problemi di spazio.

Illuminazione e software

Corsair iCUE 4000X RGB Análisis

L’illuminazione che abbiamo nel telaio Corsair iCUE 4000X RGB si potrebbe dire di alto livello, poiché può essere gestita dal software Corsair iCUE grazie ad un microcontrollore Lighting Node Core. E’ incluso nei tre ventilatori frontali, ognuno con 8 LED RGB indirizzabili singolarmente nell’asse di rotazione.

Per effettuare la configurazione dovremo alimentare il microcontrollore attraverso una connessione SATA, e collegarlo ad un headend USB 2.0 della scheda. Abbiamo utilizzato l’ultima versione disponibile del software (v3.33.246).

Una volta rilevato, dobbiamo scegliere il tipo di ventilatori ad esso collegato attraverso la sezione di configurazione dell’illuminazione. Sceglieremo quelli con l’anello interno di 8 LED, così come la quantità che è collegata. È possibile modificare l’ordine in cui sono posizionati, in quanto in questo modo le animazioni andranno nella direzione o nella forma corretta.

La seconda sezione è quella che dovremo personalizzare queste ventole, avendo una grande quantità di effetti predefiniti e modalità personalizzate. La configurazione avviene per strati, come saprà chi ha un prodotto Corsair con illuminazione, offrendo un’enorme versatilità e potendo creare praticamente qualsiasi animazione si possa immaginare.

L’ultima sezione corrisponde all’animazione che il microcontrollore ha caricato nella sua memoria. Se non è collegato tramite USB, questo sarà quello attivato di default. Come abbiamo visto, il Lighting Node Core supporta un massimo di 6 canali e ventilatori di tutte le serie Corsair disponibili, compreso il Corsair QL120 con illuminazione a triplo anello. Infine, il software sincronizzerà tutti i dispositivi Corsair con l’illuminazione installata nel sistema.

Risultato finale

Si conclude così il montaggio di questo Corsair iCUE 4000X RGB, lasciando un aspetto eccellente come quello che vediamo in queste immagini.

Corsair iCUE 4000X RGB Review

 

Nella media della CPU e della scheda grafica si nota l’assenza di una ventola in modalità di scarico sul retro. Questo fa sì che parte dell’aria calda generata dai componenti venga riutilizzata in quanto non c’è nessun elemento che la forzi, aumentando la temperatura media e quella di picco. In ogni caso, questi valori sono simili a quelli mostrati in altri telai dello stile, quindi le differenze sono poche e le prestazioni sono corrette con questi tre ventilatori anteriori.

Parole conclusive e conclusione sul Corsair iCUE 4000X RGB

Corsair ci presenta uno dei telai più belli esteticamente nel suo arsenale, soprattutto per quegli utenti che vogliono una torre di computer compatta ma decorativa. Il design ha un taglio moderno e minimalista, essendo disponibile in un bel colore bianco e nero più discreto.

Ci è piaciuto particolarmente il frontale, con capacità di raffreddamento di 360 mm o tre ventole da 120 mm preinstallate. Dietro un vetro temperato combinato con la cornice grigia che lo rende bello e molto accessibile in quanto removibile. Peccato che non sia incluso un hub o un controller per i ventilatori, dovendo collegarli uno ad uno alle testate della scheda.

Come suggerisce il nome, questa illuminazione sarà supportata dal software Corsair iCUE attraverso un driver Lighting Node Core. Fino a poco tempo fa era disponibile solo nella gamma high-end, e ora sarà un partner perfetto per posizionare fino a 6 ventole RGB nel telaio e sincronizzarle. Le possibilità sono enormi sotto questo aspetto.

La capacità hardware in questo caso è molto buona e supporta schede E-ATX fino a 277 mm e supporti verticali per GPU. Tuttavia, si consiglia di utilizzare le schede ATX a causa di problemi di spazio per il passaggio dei cavi. La modularità è buona, e permette di spostare le staffe SSD verso l’involucro dell’alimentatore e di rimuovere il cabinet dell’HDD per fare più spazio ai cavi.

Infine, il Corsair iCUE 4000X RGB sarà disponibile dal 15 settembre al prezzo di 119,99 euro, lo stesso del telaio iCUE 465X. Altamente raccomandato per la sua buona costruzione e l’estetica decorativa per i supporti compatti orientati al design e ai videogiochi, in quanto supporta hardware di fascia alta e ha una buona capacità di raffreddamento.

DESIGN – 91%
MATERIALI – 88%.
GESTIONE DEI CAVI – 87%
PREZZO – 89