I wafer Samsung a 4nm dello Snapdragon 8 Gen1 avrebbero una resa del 35%

Abbiamo avuto anni di segnalazioni di scarse prestazioni di Samsung Foundry nella produzione di wafer, e il suo lancio di recente 4 nm Non sono da meno, ed è stato ora svelato che i wafer che danno vita ai SoC mobile Snapdragon 8 Gen1 hanno un tasso di rendimento del 35 per cento. Cioè, di ogni wafer prodotto, solo il 35 percento dei chip stampati su di esso sono funzionali che è un problema serio a livello di produzione e, naturalmente, a livello di prezzo.

Viene indicato che ogni wafer sarebbe in grado di dare vita a 100 chip Snapdragon, ma che Samsung è in grado di fornire solo 35 chip funzionali. Questo ha fatto Qualcomm ha rapidamente chiuso un accordo con TSMC per la produzione di uno Snapdragon 8 Gen1 Plus o del futuro Snapdragon 8 Gen2. Per arrivare in tempo, è indicato che ha pagato un premio a TSMC per rispettare le scadenze, ricordando che guardando ancora più al futuro, l’azienda ha già un accordo chiuso da utilizzare I processi di produzione all’avanguardia di Intel.

I confronti sono odiosi e in questo momento il TSMC 4nm lo ha un tasso di rendimento superiore al 70%, rendendo il produttore il partner ideale per Qualcomm. A ciò si aggiunge che l’azienda finirà per accedere a un processo di produzione superiore, che si tradurrà in miglioramento delle prestazioni e dell’efficienza energetica. Questi due attributi potrebbero anche evitare i gravi problemi di throttling che l’azienda ha subito negli ultimi anni.

Se questo accade con i 4nm, che è una tecnologia un po’ “matura”, ora Samsung semina solo dubbi sul suo futuro processo di produzione più avanzato, il 3 nm che sono circondati da voci sul loro possibile ritardo.

attraverso: Il Lec

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.