Intel avrebbe fallito nel tentativo di acquistare SiFive per 2 miliardi di dollari

Se Nvidia ha problemi ad acquisire ARM, sembra che Intel sta soffrendo lo stesso per acquisire SiFive, rivale diretto di ARM in quanto sua controparte sotto l’architettura del set di istruzioni RISC-V, ed entrambi rappresentano un serio rischio per il dominio dell’architettura x86, motivo per cui stiamo parlando di importanti acquisizioni del settore.

Come rivelato da Bloomberg, questa storia è molto più breve di quella di Nvidia, poiché indica che le società non sono riuscite a raggiungere un accordo sulle condizioni finanziarie, né su come le tecnologie SiFive potrebbero essere utilizzate in Intel.

“I colloqui di Intel Corp. con il progettista di chip SiFive Inc. si sono conclusi senza un accordo e la società cercherà invece investimenti esterni, secondo persone con conoscenza della questione.

I colloqui tra le due società di recente sono andati in pezzi dopo che non sono state in grado di accordarsi sui termini finanziari e su come la tecnologia di SiFive sarebbe stata integrata nella roadmap dei chip di Intel, hanno detto le persone, chiedendo di non essere identificati perché è una questione privata “, ha detto. Bloomberg.

All’inizio di quest’anno, s aveva riferito che Intel aveva offerto $ 2 miliardi dalla startup, ma secondo gli ultimi report, sembra che questa acquisizione non verrà formalizzata alla fine. Sebbene Intel possa certamente sviluppare e offrire i propri core RISC-V per attirare i progettisti di SoC per le applicazioni emergenti, acquisire una società RISC-V rispettabile con IP, clienti e persone che hanno familiarità con ISA potrebbe essere un modo preferibile per farlo. mondo di RISC-V.

Si-Five è davanti a molti utilizzatori di RISC-V ed è più probabile che affronti applicazioni emergenti che non sono ancora gestite da architetture x86 o ARM. Per sviluppare offerte più competitive, piani SiFive espandi il tuo team di sviluppo della CPU da 200 a 400 ingegneri, quindi hai bisogno di soldi, sia da investitori privati ​​che da grandi aziende, ma sembra che questi soldi non arriveranno da un acquisto di Intel.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *