L’AMD EPYC darà vita anche alle istanze N2D e C2D di Google Cloud

emm continua a spingere i suoi accordi nel business del cloud, come le sue CPU EPYC di terza generazione che daranno vita alle istanze N2D e C2D di Google Cloud.

Come indicato, uno dei punti di forza di questo è che queste CPU hanno la tecnologia Virtualizzazione crittografata sicura AMD (SEV), che fa parte di AMD Infinity Guard. Questa funzione di sicurezza avanzata basato su hardwarecrittografa tutta la memoria di sistema e la memoria della singola macchina virtuale e isola la memoria della macchina virtuale dall’hypervisor, senza influire in modo significativo sulle prestazioni.

“AMD ha collaborato con Google Cloud e gli esperti di sicurezza di Google per fornire ai clienti l’accesso a tecnologie di sicurezza avanzate ottenendo prestazioni elevate per i loro carichi di lavoro”, ha affermato Lynn Comp, vicepresidente aziendale di AMD AMD Cloud Business Unit.

“Con i processori AMD EPYC di terza generazione che alimentano le nuove offerte di Confidential Computing di Google Cloud, i clienti possono continuare a godere del carico di lavoro generico e delle capacità ottimizzate per il calcolo che avevano su Google Cloud, il tutto sentendosi sicuri della sicurezza dei propri dati.

“Fornendo ai nostri clienti l’avanzata tecnologia di sicurezza dei processori AMD EPYC di terza generazione, non solo stiamo offrendo maggiori prestazioni, ma stiamo anche ottimizzando il Confidential Computing per più tipi di carichi di lavoro”, ha affermato Nelly Porter, Manager of Product of the Group, Google Nube.

“In Google Cloud, crediamo che investire continuamente in tecnologie emergenti come il Confidential Computing con partner come AMD ci aiuterà ad affrontare le preoccupazioni più urgenti sulla privacy dei nostri clienti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.