Microsoft a caccia di Apple? Starebbe sviluppando il proprio SoC

Se aspettiamo domani per vedere i progressi di Silicio di mela con i loro processori”M1 Pro e M1 Max“(precedentemente chiamato M1X), sembra che Microsoft ha visto che è il vero passo successivo del settore, rivelando che l’azienda potrebbe sviluppare i propri chip.

Secondo quanto riferito, Microsoft ha recentemente pubblicato diversi annunci di lavoro, uno dei quali riguarda la ricerca di un Direttore di SoC Architecture, il cui compito principale è definire le caratteristiche e le funzionalità del SoC sui dispositivi Surface.

Questa assunzione è stata interpretata da alcuni esperti del settore come che Microsoft stia sviluppando il proprio processore SoC per l’utilizzo su dispositivi Surface, sperando di migliorare ulteriormente la produttività e la mobilità di Surface.

Tuttavia, alcuni credono che assumere solo un direttore dell’architettura SoC non abbastanza per dimostrare che Microsoft sta sviluppando i propri chip, ed è anche possibile che Microsoft stia assumendo qualcuno per supervisionare lo sviluppo di una versione personalizzata del chip Surface.

Surface Pro 8 740x468 1

Attuali dispositivi Microsoft Surface usa processori x86 firmati da Intel e AMD per la piattaforma di produttività di fascia alta e qualche poco interessante Qualcomm ARM per il resto dei prodotti, sebbene molti di questi chip siano personalizzati il ​​più possibile secondo il gusto di Microsoft e abbiano specifiche diverse rispetto alla versione standard, sebbene l’ideale sarebbe un Design personalizzato al 100% per le tue esigenze, e altro su un’architettura non x86.

Uno dei problemi di Microsoft è che Le vendite di laptop e tablet di Apple sono abbastanza grandi da compensare lo sviluppo dell’Apple M1 e non utilizzare processori x86 nei suoi futuri dispositivi, mentre Microsoft avrà molto più difficoltà a competere ad armi pari, dal momento che non sarà in grado di ridurre il costo di produzione del chip non avendo il volume delle vendite del suo rivale.

attraverso: MyDrivers

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *