L’anime sta diventando sempre più popolare nella società, ma nel mondo dei giochi elettronici, sono stati molto amichevoli per anni. Ci sono innumerevoli giochi basati su anime popolari, e per pura statistica, ce ne saranno alcuni che sono buoni di per sé e anche migliori del lavoro su cui si basano.

A cosa teniamo in questa Top 10? Apprezziamo il fatto che siano buone, che riflettano bene l’anime e che ti facciano venire voglia di dare un’occhiata all’opera originale. Per chiarire quello che consideriamo un gioco anime: un gioco fatto per supportare una serie animata, che uscirà dopo la sua prima o in un prossimo futuro se si tratta di un prodotto multimediale.

Gli animali che sono usciti dopo una partita e la popolarità della serie animata è maggiore non contano. Quindi, scusate Danganronpa, e in futuro, The World Ends With you

La tetralogia di ./Hack su PS2

Il franchise multimedia/hack è davvero raro da seguire. Spinoff, cronologie, anime, romanzi, manga… Ognuno con le sue storie. Arriva un punto in cui è necessario seguire una guida per capire Hack.

Allora perché consigliamo quattro set di PS2? Perché sono l’inizio ideale, e da soli raccontano una storia abbastanza estesa nel corso di un gioco che simula ingegnosamente un MMORPG per console, quasi alla pari con l’impressionante Final Fantasy XI. Il loro unico problema è che forse la storia è troppo divisa in quattro dischi.

Si potrebbe tenere l’intera storia solo se fosse stata ben condensata. Non che sia uno dei giochi più innovativi utilizzati per promuovere un franchise multimediale con anime. Ancora oggi ci sono tifosi che chiedono che questi giochi vengano rimasterizzati, e se lo fanno è perché non sono affatto male. Se volete controllare se sono così buone, potete giocarle su un emulatore PS2.

Afro Samurai

Cominciamo con la cosa più impressionante dell’Afro Samurai: un anime ha Samuel L. Jackson che interpreta il samurai. Potremmo finire qui, ma siamo venuti a parlare di un gioco basato su un progetto di vanità di uno dei più grandi attori di Hollywood.

Il videogioco anime Afro Samurai è proprio quello che si vuole da un gioco d’azione basato su un anime: buon combattimento, buone animazioni, seguendo la storia e l’ambientazione. Afro Samurai lo fa e non solo, tanto che è diventato un gioco di culto. Peccato che il suo seguito sia stato il contrario e che sia stato ritirato dai negozi dopo il primo episodio.

Tatsunoko vs Capcom

Domanda veloce: secondo lei qual è il miglior gioco di combattimento su Wii? Se hai detto Super Smash Bros Brawl, potresti aver bisogno di dare un’occhiata a questo gioco. Capcom è ben nota per i suoi giochi di combattimento e per il suo franchise Marvel vs. Capcom.

Ma cosa succede se togliamo i personaggi dei fumetti e ci mettiamo i classici personaggi degli anime? Ma stiamo parlando di classici personaggi anime degli anni ’70, ’80 e ’90, e di alcuni relativamente nuovi. La Tatsunoko Productions era una società di animazione che a quei tempi era una regina, con una serie qui conosciuta come Commando G. Quel tipo di personaggi avrebbe affrontato personaggi Capcom, scelti con un’immensa libertà creativa.

Invece di andare direttamente a quelli più popolari di Capcom e prendere i personaggi più ovvi, hanno preso Frank West di Dead Rising, Kaijin no Soki di Onimusha, Batsu di Rival Schools, il cattivo definitivo di Okami… E questi sono stati combinati con i personaggi del taglio da supereroe guerriero giapponese. Un progetto così rischioso che non si ripeterà mai più, ed è uno dei migliori crossover che Capcom abbia mai realizzato. Potremmo continuare a versare su questo gioco, ma ce ne sono altri che richiedono la nostra attenzione.

Samurai Champloo y Blood+ One Night Kiss en PS2

Un buon gioco basato su anime al plasma l’anime. Un grande gioco basato su anime, raccoglie ciò che è importante e va oltre ciò che dice il contratto. Un buon creativo può fare la differenza, e quel creativo è stato Suda51. Oggi lo conosciamo come No More Heroes, ma all’epoca doveva fare un lavoro su licenza. Nel caso di Samurai Champloo, l’anime è stato praticamente progettato per essere adattato ai videogiochi, ed è considerato un gioiello di Grasshopper.A la hora de hacer Blood+ One Night Kiss, Suda51 expandió frente a la obra original. Primero, se puede considerar un prototipo de No more Heroes o Killer is Dead en muchos aspectos jugables y visuales. No se limitó a plasmar lo que vería en el anime, e introdujo un nuevo personaje e historia que hacen que casi sea una OVA especial de Blood+ que hace de capítulo adicional.

Dragon Ball Fighter Z

Ci sono innumerevoli giochi di Dragon Ball. Tanti, che potremmo fare la tua lista e potresti quasi considerare Dragon Ball come una serie di videogiochi. Diciamo questo perché oggi la serie vive più attraverso il videogioco che attraverso manga e anime. Niente contro Dragon Ball Super, ma è chiaro che i classici fan di Dragon Ball oggi si stanno orientando più verso i videogiochi moderni.

Ora, quale gioco di Dragon Ball è il migliore? La risposta è semplice: Dragon Ball Fighter Z. Finalmente un gioco di combattimento di Dragon Ball è legittimamente buono dopo tanti anni di giochi che coinvolgono solo decine di personaggi. Il tuo segreto? Affidatelo a uno sviluppatore specializzato in giochi di combattimento che amano la competizione e il casual. Un’idea così semplice che pochi la seguono perché fa risparmiare soldi e tempo.

E questo è tutto ciò che serve per fare un buon gioco di anime. È talmente buono che anche chi è stufo dell’onnipresenza di Dragon Ball vuole giocare a Fighter Z. non perché sia un gioco di anime, ma perché sembra un gioco di combattimento divertente da giocare per ore. Ed è quello che i fan meritano.

Digimon World

Ancora una volta, il jolly dell’essere un franchising multimediale. Tecnicamente, Digimon World non è basato sull’anime Digimon Adventure che abbiamo visto su La 2. E questo lo sapevano i designer della copertina europea, che ci hanno regalato il Digimon dei Bambini Scelti anche se non si poteva giocare con Tentomon e Gomamon non appare. Ma si basa sullo stesso universo e condividono l’impostazione di File Island. Sono opere complementari realizzate quasi contemporaneamente in Giappone. Questo conta come valido all’interno delle nostre regole.

Ora, il gioco è buono? Ha grandi idee come l’ambiente e la meccanica della digievoluzione con diverse linee evolutive. Ma ha dei momenti molto criptici e frustranti, anche se si rimuovono i bug dal gioco con dei cerotti. È uno di quei giochi che si vendono subito ai fan e alcuni lo prendono come un gioiello da lucidare.

Ed è un peccato che Bandai non abbia gestito bene il franchising. Parlando solo di videogiochi, hanno tirato fuori un sacco di spin-off e stavano cambiando continuamente il genere della serie principale. Recentemente hanno cercato di resuscitarlo con Cyber Slueth e Next Order, buoni esperimenti ma concentrati solo sul convincere il fan che è cresciuto con il gioco originale.

Naruto: Rise of A Ninja

Sì, sappiamo dei giochi di Ninja Storm. Ma questi giochi non rientrano nel genere degli anime brawlers, quindi qual è il problema? Hanno solo messo dentro quanti più personaggi possibile con quello che hanno, invece di essere selettivi e di qualità.

Ironia della sorte, il miglior gioco in uno dei più grandi giochi di anime è stato realizzato da una divisione di Ubisoft. Sì, la stessa Ubisoft che ci riempie di piccoli giochi a bersaglio. Ma questo era molto prima di Assassin’s Creed e Far Cry 3. Rise of a Ninja è stato il gioco perfetto per iniziare a Naruto, mostrandoci i loro personaggi e il loro mondo.

Offriva una modalità d’avventura di esplorazione di qualità, che, se da un lato ci faceva ripetere obiettivi con maggiori esigenze, dall’altro ci faceva capire l’idea di Naruto: lottare per essere accettati. E il sistema di combattimento di dover fare le tecniche con i bastoni invece di combinazioni in stile Street Fighter è un’idea che doveva essere continuata. Se Ubisoft avesse realizzato tutto l’anime di Naruto nello stile di Rise of a Ninja, ci sarebbe stato molto più amore per il ninja arancione.

È un peccato che lo sviluppo del gioco di Naruto sia andato a Bandai Namco per squadre di medie dimensioni per far emergere gli anime brawlers. Ma fa più male che riutilizzare il motore per il resto della serie Shonen Jump. Il gioco My Hero Academy è irrilevante e la stessa cosa accadrà al futuro gioco Kimetsu no Yaiba.

One Piece: Pirate Warriors 4

Koei Tecmo ha coniato il genere musou, che ha le sue parti positive e negative. Negative? Da ripetitivo all’infinito. Positivo? Possono essere adattati rapidamente ad ogni franchising o estetica, e con One Piece hanno fatto centro. A partire dalla terza rata, i giochi One Piece Musou hanno superato i giochi Unlimited World, e con la quarta rata li hanno superati.

L’estrema originalità e la varietà dei personaggi di One Piece rendono la sua musa davvero varia, cosa che di solito non si trova nel genere. E sono molto bravi a intrattenere, anche se non sei un fan, e ti incoraggiano a leggere la serie. Il che, essendo una serie di 980 manga e 950 capitoli di anime, è un grande risultato.

E noi insistiamo sul fatto che fare un musou sembra facile, ma bisogna sapere cosa si adattano. Avremmo messo da qualche altra parte nella lista Berserk e la Banda del Falco. Adattare uno dei migliori manga a musou? Sarebbe una buona idea se non fosse per il fatto che Berserk non è noto per avere eroi che abbattono facilmente centinaia di nemici. Se si teme che Guts abbia ucciso un centinaio di uomini in una sola battaglia, avere una seconda uccisione di 2034 nemici in mezz’ora dimostra che Berserk non è fatto per essere un musou.

Ma torniamo a One Piece. Non abbiamo davvero più niente da dire su questo gioco. One Piece Pirate Warriors 4 è forse il miglior gioco di moussou finora basato su un anime perché riunisce l’originalità della serie e i momenti importanti. Diciamo addirittura che è meglio della migliore musa fino ad oggi, meglio di Hyrule Warriors, che si basa su The Legend of Zelda.

JoJo’s Bizarre Advemture: All Star Battle

Sembra inaudito, ma questo titolo è il modo migliore per entrare nel mondo di JoJo’s Bizarre Adventure prima di entrare nell’anime o nel manga. Chi non conosce la serie penserà che quella di JoJo sia solo una serie di strani momenti con i fan che ricordano tutto quello che succede. E hanno ragione, ma va anche oltre. Bizarre Adventure di JoJo è uno dei franchise di anime e manga più influenti dalla sua uscita nel 1989, e ha avuto bisogno di un adattamento nel 2012 perché la gente ne riconoscesse i meriti.

Questo gioco, che purtroppo è bloccato su PS3, è una passeggiata nel parco nella storia di JoJo. Anche se teoricamente mostra molti spoiler manga in sette parti e tutto ciò che è animato, avendo una modalità storia così breve e poco ispirata, è una buona dimostrazione di alcuni momenti chiave della serie. Curioso che un gioco che rilascia spoiler, incoraggi a leggere un manga che è stato serializzato per 30 anni per mostrare alcuni momenti e come sono alcune battaglie. E giocando, è un gioco di combattimento estremamente vario e competitivo in modo non ironico.

E gli altri giochi di animazione Bizarre Adventure di JoJo? Il gioco di combattimento di Capcom è legittimamente buono, ma scarso nei contenuti. E E Eyes of Heaven è l’esempio vivente del perché odiamo i rissosi dell’arena degli anime. Ci mettono dentro tutti i personaggi che vorresti vedere, ma molti di loro hanno una meccanica complicata per creare i personaggi che i fan vogliono, e non sono affatto divertenti perché i personaggi sono così noiosi da interpretare.

Jump Ultimate Stars, il miglior gioco di anime è un grande crossover

Se eri un piccolo otaku durante l’era di Nintendo DS, conosci questo gioco. Tutti quelli che avevano una carta pirata avevano questo gioco, e giustamente. Non solo era il gioco anime ideale per gli otaku, ma era anche lo Smash Bros. di cui il sistema aveva bisogno.

Riunire il maggior numero possibile di personaggi di Shonen Jump, in un’epoca in cui i gruppi di traduttori di scansioni erano considerati eroi senza mantello, su una console che tutti avevano e si ha il gioco che tutti volevano giocare. E non solo è stato un grande crossover, ma è stato buono nell’idea e nell’esecuzione. Imitando Smash Bros., ma con una meccanica propria come la gestione della propria squadra utilizzando punti di proiettile di diverse dimensioni.

Una grande idea che sarebbe stata adattata per One Piece Gigant Battle. Ma si potrebbe dire che senza molte serie diverse, è un bene solo se sei già un fan di One Piece. E l’idea di mettere insieme le serie One Piece? E’ stato fatto con J-Stars Victory Vs e Jump Force. Ma in entrambi i casi, si è dimostrato che per fare un buon crossover è necessario molto di più che mettere insieme personaggi popolari. Perché i personaggi possono aiutare a generare le vendite iniziali, ma nessuno sarà contento se il gioco è divertente da giocare. E se si trattasse di Jump Ultimate Stars, che anche chi non ha letto un manga o visto un anime nella propria vita potrebbe godersi.