AI sostituirà 300 milioni di lavoratori in soli 10 anni

L’intelligenza artificiale è arrivata per restare e per molto altro. I nuovi progressi in questo campo cambieranno le nostre vite in quella che oggi è conosciuta come la quinta rivoluzione industriale, quella che porta con sé la fusione tra uomo e macchina, prima a livello funzionale intellettuale, e poi, forse decenni, bionica . Un nuovo rapporto da Goldman Sachs dice che il L’intelligenza artificiale sostituirà 300 milioni di lavoratori in giusto 10 annima non si fermerà qui…

Quello che ti scrive qui, molto probabilmente, sarà senza lavoro tra non molto. L’intelligenza artificiale arriverà a sostituirci prima di quanto pensiamo. L’anticipo porterà, secondo lo studio, a notevole disturbo al mercato del lavoro e non siamo preparati, nemmeno le aziende, nemmeno Elon Musk…

300 milioni di lavoratori perderanno il lavoro a favore dell’IA

Non è allarmismo, è realtà e molti non lo stanno vedendo arrivare. NVIDIA già avanzato alcuni anni fa e ora con la spinta di aziende come OpenIA e il suo famoso ChatGPT lo stiamo vedendo in prima persona. Il rapporto è piuttosto specifico quando afferma che circa i due terzi dei lavoratori negli Stati Uniti e in Europa sono esposti a un certo grado di automazione dell’IA nelle loro attività lavorative.

Poco meno della metà del carico di lavoro sarà automatizzato e quel tempo libero dovrebbe essere utilizzato per altre attività più produttive… Se ce ne sono. Ma i dati non finiscono qui. Almeno Il 7% dei lavoratori nei due continenti è vulnerabile alla sostituzione totale o parziale.

Anche nei lavori manuali si prevede che l’IA ne faccia circa un quinto in pochi anni, il che insieme a quanto detto presuppone la cifra alta di 300 milioni di lavoratori a tempo pieno nelle grandi economie mondiali, cioè 300 milioni di persone resteranno disoccupate. Anche la stessa OpenAI è scivolata in un altro rapporto secondo cui l’80% della forza lavoro statunitense potrebbe vedere almeno il 10% delle proprie attività automatizzate dall’IA.

Elon Musk e molti esperti chiedono una pausa di almeno 6 mesi

Elon-Musk-premuroso

Tutto sta andando così veloce che non c’è giorno in cui l’IA non sia protagonista. Va così veloce che nemmeno Elon Musk riesce a tenere il passo di attuazione, e come lui, molte aziende e imprenditori, aggiungendo un apostrofo su potenziali rischi per la società e l’umanità.

Più di 1.000 persone, compresi uomini d’affari e pesi massimi nel settore della tecnologia, hanno firmato una lettera per il futuro della vita Quello dare una pausa allo sviluppo dell’IA avanzata fino a quando gli esperti non svilupperanno, implementeranno e autorizzeranno protocolli di sicurezza condivisi per tali progetti di intelligenza artificiale generativa.

“I potenti sistemi di intelligenza artificiale dovrebbero essere sviluppati solo quando saremo certi che i loro effetti saranno positivi e i loro rischi gestibili”

L’UE, come abbiamo visto questa settimana, è molto preoccupata per il fatto che le attività criminali si svolgono con l’aiuto dell’intelligenza artificiale. D’altra parte, Elon Musk, che utilizza l’intelligenza artificiale per i suoi sistemi di guida autonoma in Tesla, chiede una pausa e ha espresso le sue preoccupazioni per l’avanzata inarrestabile.

È interessante notare che Sam Altman, direttore di OpenAI, non ha firmato la lettera. Inoltre, Gary Marcus, professore emerito alla New York University, che ha firmato la lettera, lo consiglia “L’intelligenza artificiale può fare seri danni… I grandi giocatori stanno diventando sempre più riservati su ciò che stanno facendo con esso.”

Si prevede che ci saranno settori in cui l’IA può sostituire completamente l’essere umano, ad esempio il avvocati e il staff amministrativo sarebbero tra le professioni a più alto rischio di licenziamento. L’elenco è enorme, quindi stiamo per sperimentare un cambiamento come quello sperimentato dai nostri nonni negli anni ’30, ’80, e ora è di nuovo tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *