Seguendo le orme di Netflix e YouTube, Amazon ha dato ascolto alla richiesta dell’Unione Europea, ed è per questo che ha ridotto il bitrate della sua piattaforma Amazon Prime Video in tutta Europa, il che si traduce in una riduzione della qualità visiva dei film e delle serie che offre al fine di ridurre la larghezza di banda della rete ed evitare la saturazione dell’infrastruttura.

In una dichiarazione, l’azienda ha affermato di essere d’accordo con l’idea che i servizi di telecomunicazione devono essere gestiti con attenzione durante la pandemia di coronavirus, altrimenti le persone non sarebbero in grado di lavorare da casa e ridurre al minimo le turbolenze economiche.

Prime Video sta lavorando con le autorità locali e i fornitori di servizi Internet quando necessario per contribuire a mitigare qualsiasi congestione della rete, anche in Europa, dove abbiamo già iniziato lo sforzo di ridurre i bitrate di trasmissione per contribuire a mitigare qualsiasi congestione della rete, anche in Europa, dove abbiamo già iniziato lo sforzo di ridurre i bitrate di trasmissione mantenendo allo stesso tempo un’esperienza di trasmissione di qualità per i nostri clienti”, ha detto un portavoce dell’azienda.