Nuove voci su RDNA3 indicano che la futura GPU di punta di AMD, Navi 31, corrisponderebbe al presunto Radeon RX 7900 XT, potrebbe essere il primo ad avere un chiplet design (MCM).

Ciò darebbe a Navi 31 non meno di due giorni con 80 unità di calcolo ciascuna, il che si traduce in un totale di 10240 Stream Processor. In altre parole, avremmo il doppio dei core rispetto alla Radeon RX 6900 XT e che, combinata con l’efficienza dell’architettura RDNA3, la nuova GPU di punta AMD dovrebbe essere un vero mostro, portando miglioramenti sostanziali nel Ray Tracing.

Ricordiamo che la squadra rossa ha commentato brevemente RDNA3 a novembre alla domanda sull’efficienza energetica. Allora, Rick Bergman di AMD ha confermato di voler fare lo stesso salto di prestazioni per watt consumato che hanno ottenuto da RDNA a RDNA2. Vale a dire, un miglioramento di circa il 50%.

“Sì, abbiamo lo stesso impegno in RDNA 3. Ci sono effettivamente molte efficienze se puoi migliorare sostanzialmente le sue prestazioni per watt. Nel caso dei laptop, ciò è ancora più ovvio, poiché in uno spazio molto limitato è possibile riportare maggiori prestazioni su quella piattaforma senza la necessità di soluzioni di raffreddamento esotiche … Ci siamo concentrati su questo con RDNA2. Ci concentreremo anche su RDNA3 ”, ha detto Bergman.

AMD deve ancora dare un’indicazione su quando avremo più notizie sulla prossima generazione di schede grafiche. Ma secondo il calendario dell’azienda, possiamo aspettarci di avere più notizie entro la fine dell’anno e persino vedere il lancio nel 2022.

Se questo è confermato, la Radeon RX 7900 XT sarà una vera bestia AMD sta calpestando RDNA3?

Fonte: Videocardz