Gli HDD entrano in recessione a spese degli SSD, il 15% in meno di spedizioni

È stata forse l’ultima industria a parlare di fronte alla debacle che sta avvenendo nell’intero settore dei PC e dei server e sì, anche i dischi rigidi hanno ceduto a quella che ora possiamo chiamare più che ufficialmente una recessione, se non addirittura un crisi. Gli HDD perdono non meno del 15,4% delle loro spedizioni e, inoltre, gli SSD stanno guadagnando forza a scapito dei primi. È solo una battuta d’arresto momentanea? O questa recessione è davvero l’inizio della crisi definitiva dell’HDD che si dice sempre?

Ebbene, non crediamo che sia la crisi nel settore degli HDD a metterli al tappeto, per di più, non finiranno sicuramente di scomparire fino a quando gli SSD non li raggiungeranno in capacità, e tra l’altro, per il momento, nulla suggerisce che questo sarà il caso. Inoltre, c’è un fatto molto rilevante riportato nella relazione odierna che punta un po’ in tal senso.

Il secondo trimestre del 2022 è stato pazzesco per gli HDD: entrano in recessione

Spinti dall’attuale situazione di mercato e economica, i produttori di HDD si stanno letteralmente imponendo con un settore dei PC nelle ore basse. Inoltre, anche la concorrenza con il suo eterno rivale non aiuta nulla ad affrontare la situazione, perché gli SSD percorrono un percorso parallelo, ma con dati diversi.

I suoi rivali stanno vedendo come il suo prezzo si riduce date le enormi scorte di cui dispongono i produttori, che stanno entrando in concorrenza diretta per vendere in un momento in cui quasi nessuno compra. Inoltre, c’è un importante incentivo indiretto come il fatto che Microsoft chiederà un SSD come unità di archiviazione principale in Windows 11, il che sta facendo sì che molti lascino il proprio HDD come secondario e diano la priorità all’acquisto di un’unità a stato solido .

Pertanto, i dati sono molto chiari: le spedizioni di HDD per il secondo trimestre 2022 sono state 44,65 milioni di unità, il che rappresenta un 15,4% in meno rispetto al trimestre precedente.

L’impatto della capacità rispetto al numero di spedizioni

HDD vs SSD

Sappiamo già quante ne sono state vendute e quanto è diminuito il numero di spedizioni, quello che non sapevamo era che la capacità totale di tutte quelle spedizioni sommate alle unità spedite è diminuita solo del 2%. Oppure, per lo stesso motivo, vengono venduti meno HDD, ma quelli che sono stati spediti hanno una capacità molto maggiore. Ciò è correlato a quanto detto nei tre paragrafi precedenti, in cui gli SSD occupano i sistemi degli utenti e i dischi rigidi vengono lasciati per l’archiviazione.

In termini di marchi, Seagate si classifica 44,5% del mercato in questo momento con una spedizione totale di 19,88 milioni di unità dove di questi si è passati da una capacità media di 1,2 TB a niente di meno di 7,8 TB, un aumento brutale. Da parte sua, Western Digital copre il mercato del 36,9% con spedizioni non inferiori a 16,48 milioni di unità dove curiosamente la loro capacità media è identica a quella di Seagate, cioè 7,8 TB.

Al terzo posto Toshiba con a 18,6% delle spedizioni totali e 8,29 milioni di unità dove la sua capacità media è aumentata 4,4 TB. Pertanto, la capacità bassa e media viene acquistata dagli SSD e lascia spazio solo agli HDD nella gamma multiTB, dove hanno la loro nicchia e sopravvivono. Questo potrebbe cambiare, almeno in parte, con l’arrivo delle celle flash NAND PLC, dove speriamo che la capacità degli SSD raddoppi, mentre gli HDD lottano nel mezzo della recessione per ottenere tecnologie come MAMR per il mercato consumer e non entrambi per aziende e server.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.