Stati Uniti ha ottenuto via con esso, e questo implica che TSMC è in grado di fornire più processori per Huaweied è che, anche se TSMC non ha una sede negli stati UNITI, la Gestione del Trump accoglie il divieto, sostenendo che TSMC è l’utilizzo di componenti prodotte negli USA per la fabbricazione dei basate su silicio svolgono, che sta vendendo il ‘nemico’ numero uno del paese, la società cinese Huawei.

Ora, secondo Nikkei, Huawei è in difficoltàperché sarete senza un processore a metà del mese di settembre, il che implica rimanere senza basate su silicio svolgono @ 5nm per la sua nuova generazione di smartphone e senza il loro processori per pc e server dei consumatori, che è a dire, che Huawei si sta preparando per un colpo che lascia in K. O tecnico.

“TSMC ha smesso di accettare nuovi ordini da Huawei dopo aver annunciato il nuovo cambio di regole in ordine all’pienamente conformi alle più recenti normative per il controllo delle esportazioni”, ha detto un familiare della persona con la situazione. “Ma quelli che sono già in produzione e gli ordini che TSMC ha preso prima il nuovo divieto non sono interessati e si potrebbe continuare in avanti, se questi chip potrebbero essere inviato prima della metà di settembre”.

Il Dipartimento del Commercio ha annunciato venerdì che tutti i produttori di chip non sono gli americani che usano il computer fabbricazione di chip americano, la proprietà intellettuale o software di progettazione dovranno applicare per una licenza prima di inviare il chip di Huawei, che ha dato origine a quella La cina ha minacciato gli Stati uniti con un diritto di veto per le aziende come Apple, Qualcomm, Cisco o Boeing.

“È una decisione difficile per TSMC dato che Huawei è il client di numero 2 della società, ma il produttore di chip ha seguire le regole del degli stati UNITI”, ha detto un’altra persona che abbia dimestichezza con la materia.

Huawei è il più grande produttore di apparecchiature di telecomunicazioni al mondo e il secondo più grande produttore di telefoni intelligentie si basa pesantemente su di TSMC per la produzione dei suoi processori mobili. L’azienda azienda taiwanese, che produce processori per l’Intelligenza Artificiale di chip di rete per Huawei, è stato visto come un’ancora di salvezza di vitale importanza per la società cinese nel suo sforzo di resistere alla pressione degli Stati uniti, da Washington a mettere su una lista nera commerciali nel maggio del 2019.

Questa misura influenzato il proprio TSMC, che ha visto le sue azioni hanno iniziato a perdere circa il 3 per cento del suo valore. Ora si dovrà attendere il movimento della Cina, e che né la Cina né Huawei rimarrà con le braccia incrociate.