Intel collabora con Microsoft per combattere il cryptojacking

Intel ha annunciato oggi la sua collaborazione con Microsoft con un nemico comune, cryptojacking. Dall’inizio della pandemia globale nell’aprile 2020, sono state scambiate quasi 5.400 criptovalute con una capitalizzazione di mercato totale di 201 miliardi di dollari.

Cryptojacking è un mining di criptovaluta dannoso in cui i criminali informatici installano malware su computer personali e aziendali, laptop e dispositivi mobili. Questo malware utilizza la potenza e le risorse del computer per estrarre criptovalute o rubare portafogli di criptovaluta, che può rallentare drasticamente i computer e impedire loro di funzionare normalmente. Alcuni script di cryptojacking hanno funzionalità worm che consentire loro di infettare altri dispositivi e server su una rete.

Per fermare questa tendenza, Microsoft Defender per Endpoint espandere il tuo uso della tecnologia Rilevamento delle minacce Intel (Intel DTT) oltre alle capacità di scansione accelerata della memoria per abilitare il rilevamento di Machine Learning (ML) Basato su CPU (CPU Intel Core di sesta generazione e Intel vPro in avanti). Questa mossa accelera ulteriormente il rilevamento e la risposta degli endpoint per milioni di clienti senza compromettere l’esperienza di utilizzo del sistema.

“Questo è un vero punto di svolta per il settore della sicurezza, così come per i nostri clienti PMI, mid-market e enterprise che hanno adottato rapidamente Windows 10 con protezioni endpoint integrate. I clienti che scelgono Intel vPro con esclusivo Intel Hardware Shield ora ottengono visibilità completa dello stack per rilevare le minacce in anticipo senza la necessità di una configurazione IT. La portata di questa distribuzione di rilevamento delle minacce basata su CPU sui sistemi dei clienti non ha eguali e aiuta a colmare le lacune nelle difese aziendali “, ha affermato Michael Nordquist, senior director of Strategic Planning and Architettura nell’Enterprise Client Group di Intel.

Parte del set di funzionalità avanzate Intel Hardware Shield in Intel vPro e disponibile anche sulle piattaforme Intel Core, Intel TDT fornisce alle soluzioni Endpoint Detection and Response (EDR) l’euristica della CPU per la scansione avanzata della memoria, il cryptojacking e il rilevamento del ransomware. Con quasi 1 miliardo di PC abilitati per Intel DTT sul mercato, queste sono le uniche funzionalità di monitoraggio del comportamento del malware basate sulla CPU sul mercato che vanno oltre le tecniche basate su file e firme.

“Intel sta sbloccando funzionalità che cambiano radicalmente le regole del gioco”, ha affermato Frank Dickson, vicepresidente del programma Security and Trust di IDC. “La telemetria e la funzionalità a livello di silicio consentono alla piattaforma di elaborazione hardware di svolgere un ruolo attivo nella difesa dagli attacchi” sopra il sistema operativo “. È chiaro che l’obiettivo è per i sistemi basati su Intel di oggi e domani sono fondamentalmente più sicuri e hanno meno infezioni da malware rispetto ad AMD, Apple e altri sistemi di processori basati su ARM “.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.