Intel Core i5-L16G7 filtrato dopo il suo passaggio attraverso il 3DMark, un Lakefield di 5 core @ 1.40 GHz

Sappiamo già le prestazioni di un Intel Lakefield nel mondo reale, e questo non è altro che il Intel Core i5-L16G7era già stato filtrato alla fine di gennaio, dando per sapere che siamo in un processore 5 core e 5 thread di elaborazione per una frequenza di Base/Turbo 1.40/1.75 GHz.

Ricordate che Intel Lakefield sono un paio di processori x86, ibrido con una progettazione basata sulla struttura ARM big.PO’, cosa che si traduce in un’offerta di un core ad alte prestazioninella forma di un Sunny Cove (trovato in Intel Lago di Ghiaccio @ 10nm), insieme con quattro core a bassa potenza/il consumo diche in questo caso sono 4x Atom basato sull’architettura Tremont @ 10nm.

Proprio come avviene per i telefoni cellulari, tutte queste anime saranno in grado di lavorare in coppia, o semplicemente attivare uno dei due cluster a seconda delle esigenze: la priorità di alimentazione o priorità autonomia, perché non richiede alimentazione per il lavoro che stiamo facendo.

Come possiamo vedere, questo si traduce nell’offerta di un punteggio in 3DMark Fire Strike di 4279 punti per la CPU, e 1165 punti per la GPU. In termini di prestazioni è molto scarsa, come per esempio il già sold-out Intel Core i5-8250U (4 core e 8 thread), prevede un punteggio per la CPU 9659 puntiquindi stiamo parlando di una CPU per il 2017 offre più del doppio delle prestazioni.

Ovviamente, dobbiamo guardare in basso, e per esempio, un Intel Pentium Oro 4417U 2 core e 4 thread @ 2.30 GHz capannoni 3644 punti in media, per quello che possiamo già avere un’idea delle prestazioni di questa CPU Lakefield, dove, ovviamente, si consuma molta meno energia e include un built-in di grafica che offrono 1/3 delle prestazioni della grafica del Core i5 già detto, ma sembra molto poco potere anche di pensare di un Ultrabook per l’utilizzo in ufficio da un sacco di autonomia, che offre, almeno utilizzato su un Chromebook, naturalmente, dal momento che questo è un mercato molto meno esigenti.

via: @_rogame

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *