La corte respinge la causa antitrust intentata contro Valve

A maggio abbiamo appreso che lo studio indipendente Giochi Wolfire aveva intentato una causa antitrust contro Valve, sostenendo che Valve sta usando la sua posizione di mercato dominante per costringere gli sviluppatori di giochi a vendi i tuoi titoli allo stesso prezzo su Steam e su qualsiasi altro negozio concorrente, minacciando di rimuovere il gioco da Steam se uno sviluppatore sceglie di venderlo a un prezzo inferiore, ad esempio, sull’Epic Games Store o persino sul proprio negozio.

Solo un paio di mesi dopo, Valve ha dichiarato la loro causa Non ha incontrato “i requisiti più basilari di un caso antitrust, e che prendere il 30% dei profitti era legittimo.

Quasi sei mesi dopo, abbiamo la risoluzione del caso, ed è che la causa di Wolfire fallisce su due punti diversi. In primo luogo, l’affermazione secondo cui Valve sta collegando illegalmente il negozio di Steam alla piattaforma – in sostanza, utilizzando il quasi monopolio di Steam come libreria, launcher e piattaforma di social media per costringere le persone ad acquistare giochi attraverso il negozio di Steam – è respinta perché il le accuse nella causa suggeriscono che la piattaforma Steam e il negozio sono, in effetti, “un unico prodotto all’interno della piattaforma di gioco integrata e del mercato delle transazioni. “

La causa di Wolfire afferma anche che Valve sta usando il suo quasi monopolio sovraccaricare i venditori -30% – che non sarebbe sostenibile in un mercato competitivo. Questa affermazione ha portato ad alcune conversazioni interessanti all’inizio di quest’anno, ma il giudice ha respinto l’argomento, osservando che Il tasso di Valve è rimasto invariato nella storia di Steam, anche quando altri negozi online hanno spostato le loro percentuali nel tempo.

“Pertanto, sembra che la realtà del mercato, almeno come affermato, sia che la tariffa [de Valve] è proporzionale al valore della piattaforma Steam per gli editori di giochi”, afferma la sentenza.

“Wolfire non articola fatti sufficienti per rivendicare plausibilmente un pregiudizio antitrust basato su quel mercato”.

Wolfire Games ha 30 giorni per fornire ulteriori informazioni alla tua richiesta rimediare alle carenze citate e poi ripresentarle.

attraverso: PCG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.