Microsoft ha un serio problema con gli aggiornamenti di Windows 10 da un po’ di tempo ormai, e non sembra che verrà risolto nel prossimo futuro: ne escono tutti con una moltitudine di errori che, mentre di solito non colpiscono la maggior parte degli utenti, quelli che lo fanno – e considerando la popolarità, ce ne sono alcuni che possono colpire molti milioni di utenti – possono causare loro grossi mal di testa.

Negli ultimi anni abbiamo visto un po’ di tutto: aggiornamenti di Windows 10 che cancellavano i file personali, riavvii casuali, crash con il menu di avvio, con Windows Defender… E questi sono solo alcuni dei tanti che, ad ogni rilascio, continuano a tormentare gli utenti del sistema. Naturalmente, quando parliamo di aggiornamenti di Windows 10, parliamo di nuove versioni in uscita. Gli aggiornamenti mensili attuali sono quelli che cercano di risolvere il pasticcio.

Perché questo accade con gli aggiornamenti di Windows 10? Si tende a scusare l’ampia gamma di hardware che copre il sistema, ma questa circostanza non è nuova: Windows domina il mercato dei PC da più di vent’anni. E allora? Si potrebbe riassumere con il fatto che Windows non è più la priorità per Microsoft, anche se rimane il suo grande cavallo di battaglia per il mondo.

Così, l’attenzione che un tempo si prestava ad ogni release di Windows è ormai un ricordo del passato. Un ex ingegnere di Microsoft lo ha spiegato e sembra che si possa aggiungere poco di più.

Blocco degli aggiornamenti di Windows 10

Non è che i Redmond siano stati silenziosi: da un lato cercheranno di rendere la vita un po’ più facile agli utenti con la restituzione dei service pack, anche se vedremo se ci riusciranno. D’altra parte, stanno migliorando la collaborazione con i produttori, consentendo loro di richiedere il blocco degli aggiornamenti di Windows quando viene eseguita una versione del driver incompatibile con essi, poiché questa è una delle aree in cui si verifica la maggior parte degli incidenti.

Tuttavia, non sembra che andrà molto meglio, e Microsoft lo sa, quindi non solo si preoccupano dei possibili errori che vengono rilasciati con gli aggiornamenti di Windows 10, ma anche che non raggiungeranno gli utenti che ne hanno bisogno: il blocco degli aggiornamenti di cui abbiamo appena parlato, che può anche essere negativo. Beh, ci stanno lavorando, cosa che direi.

Per accelerare lo sblocco, Microsoft aumenterà i test delle combinazioni di hardware e driver, utilizzando l’intelligenza artificiale e l’apprendimento automatico per scoprire più rapidamente gli errori e migliorando le informazioni a disposizione degli amministratori di sistema. Questa mossa si dice per ora, ma ZDNet la dà per scontata e anche se i miracoli non esistono, qualcosa può aiutare anche il problema alla radice.

Quindi non aspettatevi che la prossima versione di Windows 10 non porterà un’altra marea di disavventure; se non raggiungerà il livello di quello che si è visto nell’ultima, potrete essere soddisfatti. E se non lo fate, se non volete essere “la cavia di Microsoft“, ricordate che potete ritardare l’installazione degli aggiornamenti di Windows 10.