NVIDIA CMP si basa sull’architettura Turing @ 12nm (RTX 2000)

Pochi giorni fa NVIDIA ha annunciato le sue schede grafiche CMP focalizzate direttamente sul mining di criptovaluta. Questi grafici hanno lasciato molti dubbi, poiché non erano stati forniti più dati su di essi. Bene, ora sappiamo che le GPU NVIDIA CMP sono basate sull’architettura Turing @ 12nm, non saranno basate su Ampere @ 6nm.

NVIDIA CMP sarà basato sull’architettura di Turing a 12 nm di silicio

Il mining di criptovaluta è diventato un problema per il mercato dell’hardware di gioco. Ciò ha portato la comunità dei giocatori ad affrontare il mining, senza nemmeno saperlo. Per placare la comunità dei giocatori e soddisfare le esigenze dei miner, NVIDIA presenta una grafica CMP progettata solo per il mining.

Grazie ai driver WHQL GeForce 461.72 rilasciati di recente, sappiamo di più su questi grafici per il mining. Questi driver aggiungono il supporto per NVIDIA CMP 30HX e CMP 40HX, oltre a supportare NVIDIA RTX 3060.

Ebbene, il silicio utilizzato nei CMP NVIDIA è di architettura Turing. Ciò implica che l’architettura Ampere sarà destinata esclusivamente al segmento gaming. Uno dei grandi dubbi è che fossero ugualmente Ampere e che la produzione fosse divisa tra i due segmenti.

Secondo i dati del driver, il CMP 40HX utilizza il silicio TU106, lo stesso silicio di RTX 2060, RTX 2060 SUPER e RTX 2070 Mobile. Il CMP 30HX si basa sul silicio TU116 utilizzato per GTX 1650 SUPER, GTX 1660 e GTX 1660 SUPER. Tutti questi elementi grafici sono PCB, GPU, VRAM, VRM e connettori di alimentazione, senza decodifica video e senza connettori video.

Resta da sapere quale silicio utilizzeranno CMP 50HX e CMP 90HX. Il CMP 50HX potrebbe benissimo essere un RTX 2070 o forse un RTX 2070 SUPER. Tutto indica che il CMP 90HX sarà una TITAN RTX, a causa dei consumi e della potenza indicati da NVIDIA.

Fonte: VZ

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.