Prima immagine di un processore Intel Xeon Sapphire Rapids-SP

L’ultimo trimestre del 2021 potrebbe essere piuttosto impegnativo per quanto riguarda il lancio dell’hardware. Intel dovrebbe lanciare i processori Alder Lake-S allora, prima che AMD lanci il Ryzen 6000. Ma Intel lancerà anche i processori Sapphire Rapids-SP quest’anno, o che è lo stesso, la quarta generazione di processori Xeon.

Intel Xeon Sapphire Rapids-SP posa per le telecamere

Attualmente il mercato dei processori per server è dominato dalle soluzioni Intel Xeon. Nonostante l’avvento di AMD EPYC, molti sistemi sono basati su soluzioni Intel. Questo segmento in genere aggiorna i sistemi per periodi di tempo più lunghi. Anche con gli aggiornamenti, i “vecchi” sistemi sono ancora utili per determinate attività.

Le nuove Sapphire Rapids-SP si caratterizzano per essere prodotte nel nodo Enhaced SuperFin a 10 nm. Questo è un processo avanzato basato sul nodo self a 10 nm.

Sapphire Rapids-SP arriva con alcune caratteristiche molto interessanti. Il primo è che integrano stack di memoria HBM2 e hanno un’interfaccia Compute Express Lin 1.1. Inoltre, questi processori integrano l’interfaccia PCIe 5.0 e supportano un sistema di memoria RAM DDR5 Octa-Channel.

La nuova generazione di Sapphire Rapids-SP utilizza la presa LGA4677-X, che ha un design abbastanza particolare. Inoltre, questi processori sono già stati scelti come base per vari sistemi di tipo exa-scale. Consentono la configurazione di due di questi processori insieme a sei schede grafiche Intel Xe Ponte Vecchio.

Al momento non conosciamo il numero massimo di core che questa famiglia Intel Xeon offrirà. Secondo i dati preliminari, questa nuova architettura offrirà un aumento fino al 50% dell’IPC rispetto a Skyake.

Secondo alcune indiscrezioni, raggiungerà 64 core e 128 thread, anche se non ci sono conferme. Il massimo che è stato visto è un Sapphire Rapids-SP con 56 core e 112 thread. Si noti che AMD sta sviluppando l’EPYC GENOA che raggiungerà fino a 96 core del tipo Zen4 @ 5nm.

Fonte: VZ

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *