Qualcomm Snapdragon 888: primi dettagli del processore

Qualcomm ha l’abitudine di annunciare il suo nuovo processore top di gamma a dicembre e dalle Hawaii, ma quest’anno i manager si sono dovuti accontentare di partecipare a una conferenza virtuale a San Diego. Tuttavia, il risultato per i produttori e gli utenti di telefonia mobile è stato lo stesso, la presentazione ei primi dettagli di Snapdragon 888, il chipset che equipaggeranno tutti i telefoni ammiraglia con Android che sarà disponibile per tutto il 2021.

Lo Snapdragon 888 è il primo della sua serie che migliora le prestazioni del 5G grazie alla completa integrazione di un modem con questa tecnologia, una differenza sostanziale rispetto allo Snapdragon 865 dello scorso anno, che richiede l’utilizzo di un modem separato per poterlo offrire 5G. Il modem utilizzato dallo Snapdragon 888 è quello dello Snapdragon X60, che risulta essere il primo prodotto a seguito di un processo a 5 nm ed è compatibile con le reti 5G SA e NSA, sia in banda Sub-6 che mmWave.

Oltre ad espandere le capacità del 5G, lo Snapdragon 888 si distingue per l’aggiunta di un motore di intelligenza artificiale di sesta generazione, che grazie al nuovo processore Qualcomm Hexagon che offre 26 teraoperazioni al secondo (TOPS) promette di fare un salto in termini di prestazioni ed efficienza energetica nelle attività di IA. Nella sezione giochi Le novità si trovano in una GPU Adreno aggiornata che consentirà il rendering fino a 144 FPS e di chi autisti potrebbe essere aggiornato.

Per i fotografi, lo Snapdragon 888 incorpora un processore di immagini ISP Spectra, che secondo Qualcomm consente di acquisire foto e video a 2,7 gigapixel al secondo, o circa 120 foto con una risoluzione di 12 megapixel, fino al 35% più veloce di la generazione precedente (Snapdragon 865).

Tutti i cellulari ammiraglia con Android (da Samsung, Asus, Xiaomi, LG, Oppo, OnePlus …) che sarà disponibile per tutto il 2021 avrà al suo interno un processore Snapdragon 888 e il primo ad equipaggiarlo sembra essere il Xiaomi Mi 11.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *