Fai la PCR È una pratica che il personale sanitario di tutto il mondo esegue quotidianamente per verificare se una persona ha o meno il coronavirus. È una procedura che richiede pochi minuti e, sebbene vengano prese tutte le misure di protezione necessarie, la possibilità di contagio è sempre latente. Per evitare che ciò accada, i ricercatori dell’Istituto di bioingegneria dell’Università Miguel Hernández (UMH) di Elche hanno sviluppato il prototipo di un robot “made in Spain” in grado di eseguire fino a 200 test di questo tipo al giorno.

Secondo un comunicato stampa dell’università, si tratta di un braccio robotico che esegue la stessa procedura fare PCR proprio come uno staff medico. Nella dimostrazione, il robot ha eseguito la PCR con tampone nasofaringeo automatizzata su un soggetto sottoposto al test, che è stato riconosciuto tramite un sistema di telecamera e ha immediatamente avviato la procedura. Per prima cosa, prendi un tampone e la provetta in cui verrà conservato il campione. Quindi, inserisce il tampone nel naso del paziente “guidato da un sensore di forza e corregge la traiettoria se necessario. Il robot rileva la fine del condotto ed esegue due o tre movimenti rotatori, come indicato dai protocolli sanitari ”.

Al termine, rimuovere il tampone, tagliarlo e conservarlo a 2-8 gradi. Allo stesso tempo, la testa del soggetto viene rilasciata e tutti gli oggetti vengono disinfettati automaticamente.

Fare PCR con un robot: vantaggi

Secondo i ricercatori incaricati di questo progetto, con l’aiuto di questo robot si effettuano i test PCR per la rilevazione del Coronavirus: “consentirebbe agli operatori sanitari di concentrarsi principalmente sul processo di vaccinazione della popolazione, che è una delle sfide più immediate e importante che la società deve affrontare in tutto il mondo ”.

Va anche notato che questo robot per fare la PCR È uno dei quattro progetti di innovazione e ricerca per la lotta al Covid-19 dell’UMH. D’altra parte, ha ottenuto finanziamenti dal bando # SúmateAlRetoContraElCovid-19, organizzato con l’Agència Valenciana de la Innovació (AVI).