TSMC e Sony firmano l’accordo per costruire una fabbrica in Giappone da 7.000 milioni di dollari

È ufficiale TSMC ha annunciato la sua partnership con Sony Semiconductor Solutions Corporation (Sony) per costruire una nuova fabbrica di chip in Giappone del valore di $ 7 miliardi.

Con questo investimento, l’azienda non aumenterà la sua produzione di wafer con processi di fabbricazione all’avanguardia, poiché prevarrà per produrre trucioli molto più utilizzati e richiesti nell’industria di consumo per processi di fabbricazione di 22nm e 28nm.

La nuova fabbrica era stata annunciata il mese scorso dal CEO di TSMC CC Wei, anche se a quel tempo non era ancora stata approvata dal consiglio di amministrazione di TSMC. Nikkei Asia ha riferito che il consiglio ha ora approvato la nuova fabbrica sotto una nuova filiale, Japan Advanced Semiconductor Manufacturing, Inc. (JASM).

Il gruppo di semiconduttori di Sony investirà circa $ 500 milioni nella nuova controllata, in cambio di una quota di JASM inferiore al 20%.

Non aspettarti che questa nuova fabbrica risolva i problemi di carenza, poiché non inizierà la produzione fino al prossimo anno, mentre inizia la produzione di massa di wafer non inizierà fino alla fine del 2024.

Il rapporto Nikkei rileva inoltre che il consiglio di amministrazione di TSMC ha anche approvato i piani per costruire una nuova fabbrica a Taiwan che si concentrerà su chip avanzati provenienti da 7nm, così come i prodotti ereditati da 28nm, anche se la costruzione non inizierà prima del 2024.

Le nuove estensioni fanno parte degli ambiziosi piani di investimento di TSMC $ 100 miliardi entro il 2023 per aumentare ulteriormente la sua capacità di produzione di chip. TSMC continua a produrre la maggior parte dei suoi chip a Taiwan, oltre ad avere un paio di stabilimenti in Cina e una piccola filiale (WaferTech) situata nello stato di Washington. La nuova fabbrica in Giappone, insieme all’impianto di produzione in Arizona da 12 miliardi di dollari, aiuterebbe ad espandere la portata di TSMC in nuovi paesi.

attraverso: Nikkei

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *