Ubisoft ha tutte le schede da vendere a breve

Secondo le ultime indiscrezioni del settore, Ubisoft potrebbe essere la prossima grande acquisizione del settore, e questo implica che potrebbe essere acquistato da Sony o Microsoft. Questa informazione arriva dopo che è stato suggerito che le società di venture capital potrebbero iniziare a librarsi su Ubisoft, che potrebbe essere venduta in un momento in cui le sue azioni sono in declino.

Bloomberg segnala che Blackstone e KKR & Co, le due maggiori società di private equity al mondosono stati “studiare economia francese” e hanno “un interesse di acquisizione preliminare“a Ubisoft, ma che l’azienda non è ancora entrata”nessuna seria trattativa con potenziali acquirenti“.

Secondo le fonti di Kotaku, negli ultimi anni Ubisoft ha lavorato a stretto contatto con varie società di consulenza di terze parti per controllare varie parti della sua attività. Mentre le aziende lo fanno per essere più redditizie e prepararsi per il futuro, le fonti con cui Kotaku ha parlato suggeriscono che è un segno che Ubisoft sta cercando di mettere in ordine i suoi libri mastri per una possibile vendita.

Se qualcuno volesse acquistare Ubisoft, risparmierebbe un sacco di soldi e nel luglio 2018 ogni azione ha superato i $ 110 rispetto a 41 dollari quanto costano oggi Ma dovrebbero comunque passare attraverso la famiglia del CEO Yves Guillemot, che attualmente si stima possiede il 15% del business. Lo stesso CEO ha già fermato un tentativo di acquisizione ostile da parte del conglomerato mediatico francese Vivendi dopo essersi assicurato finanziamenti da Tencent e altre società nel 2018. Ma alcune fonti aziendali attuali ed precedenti ora credono che il veterano di 35 anni dell’industria dei videogiochi aziendali potrebbe essere alla ricerca di una strategia di uscita.

Come riportato da Bloomberg a febbraio, Ubisoft ha deciso di trasformare uno dei DLC di Assassin’s Creed Valhalla pianificati in un gioco autonomo. per aiutare a riparare i buchi nel suo programma di rilascio nei prossimi 18 mesi. Nel frattempo, i prossimi giochi completi di Far Cry, Ghost Recon e Assassin’s Creed continuano a essere più lontani di quanto Ubisoft avesse pianificato in precedenza.

“Non commentiamo voci o speculazioni”, ha rivelato la società in una dichiarazione a Kotaku.

“Ubisoft ha capacità creative e di produzione senza rivali, con oltre 20.000 persone di talento che collaborano tra i nostri studi globali per lo sviluppo di giochi. Grazie a loro e alla nostra attenzione a lungo termine e alla nostra propensione per l’assunzione di rischi creativi, abbiamo creato uno dei più forti marchi del settore e abbiamo molti nuovi marchi e progetti promettenti all’orizzonte. Abbiamo anche uno dei portafogli più profondi e diversificati del settore, tecnologie e servizi all’avanguardia e una comunità ampia e in crescita di attori impegnati. Di conseguenza, siamo in una posizione ideale per sfruttare la rapida crescita del settore e le opportunità della piattaforma che stanno emergendo in questo momento”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.