Valve risponde alla causa antitrust e difende il 30% delle commissioni su Steam

Ad aprile, Wolfire Games ha intentato una causa antitrust contro Valve, sostenendo che utilizza il dominio di Steam nel mercato dei giochi per PC per sopprimere la concorrenza ed estrarre “Una commissione straordinariamente alta” delle vendite effettuate tramite il tuo negozio. In una risposta presentata all’inizio di questa settimana, Valve ha chiesto che la causa venga archiviata del tutto, perché “Non adduce gli elementi più basilari di un caso antitrust”.

Una delle affermazioni centrali che Wolfire ha fatto nella sua causa è che Valve impedisce a sviluppatori ed editori di vendere chiavi Steam a prezzi inferiori in altri negozi rispetto a Steam. Questo è un male per i creatori di giochi, ma anche per i giocatori, secondo Wolfire, questo significa che i venditori devono mantenere i loro prezzi alti per pagare la commissione del 30% di Valve. Wolfire è il creatore di Receiver e del gioco di arti marziali Overgrowth.

La risposta di Valve respinge quell’accusa su diversi punti, prima affermando che “Non hai alcun obbligo in base alla legge antitrust di consentire agli sviluppatori di utilizzare Steam Keys gratuitamente per vendere a prezzi inferiori ai giochi che vendono su Steam o di fornire Steam Keys”, e poi affermando che l’unica prova fornita di un simile requisito di prezzo per i giochi non abilitati a Steam è un singolo aneddoto di Valve che “presumibilmente ha detto a uno sviluppatore non identificato che non avrebbero dovuto distribuire gratuitamente un gioco non abilitato a Steam. . sulla piattaforma del concorrente, Discord, se fa pagare agli utenti Steam $ 5 per la versione abilitata a Steam. ”

Valve difende il 30% di commissioni su Steam

Valve difende anche la commissione del 30%, affermando che non ci sono prove reali che si tratti di qualcosa di straordinario. “I querelanti possono solo raccogliere una generalizzazione secondo cui l’economia prevede che la commissione del 30% di Valve dovrebbe essere diminuita nel tempo … In effetti, il 30% è diventato lo” standard del settore “, mentre Valve ha dovuto affrontare la concorrenza di alcune delle più grandi aziende in l’industria, come Microsoft, Epic Games e Amazon. ”

Questo è un punto interessante perché mentre il 30% è stato indubbiamente uno standard, il malcontento per quel costo è cresciuto negli ultimi anni e altri sistemi simili a Valve lo stanno rifiutando. lL’Epic Games Store ha iniziato a girare prendendo il 12% attraverso il suo negozio e ad aprile Microsoft ha seguito l’esempio, riducendo la sua partecipazione dal 30% al 12%. In un sondaggio della GDC, ha anche riscontrato insoddisfazione per il tasso di Valve nella grande maggioranza degli sviluppatori: solo il 6% degli oltre 3.000 intervistati ha affermato che una commissione del 30% o più è giustificata; quasi due terzi hanno affermato che il 15% o meno è una percentuale appropriata.

La risposta affronta anche l’affermazione di Wolfire secondo cui Valve possiede il 75% del mercato attraverso Steam, osservando che l’accusa “manca di supporto”. Non è esattamente una negazione della rivendicazione della quota di mercato, ma l’incapacità di Wolfire di dimostrarlo, secondo Valve, giustifica l’archiviazione della causa.

I querelanti non adducono comportamenti illeciti, pregiudizio antitrust, potere di mercato o mercati antitrust facilmente sostenibili per due prodotti separati”, conclude il documento di Valve. “Piuttosto, attaccano un popolare servizio integrato che i consumatori apprezzano in un mercato competitivo.

Con questo, Valve chiede l’archiviazione totale della causa per non aver fatto affermazioni sostenibili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.