Le vendite di giochi per PC e console ne hanno risentito nel 2022

Parliamo spesso della difficile situazione economica in cui ci troviamo, in un momento colpito dall’inflazione e dall’aumento dei costi. Le aziende sono costrette ad alzare i prezzi se vogliono mantenere gli stessi margini di profitto e le persone hanno sempre meno soldi da spendere. Persino il le vendite di giochi per PC e console ne hanno risentito per questa situazione, perché il reddito a livello globale sono caduti a 2,2% nel 2022.

L’anno scorso è stato un disastro in termini di vendite di PC, hardware e periferiche. Come abbiamo visto nelle notizie, piace anche alle aziende NVIDIA hanno sperimentato un forte calo delle vendite. Anche se, ovviamente, stiamo parlando di un anno in cui il cryptomining ha smesso di essere redditizio e con esso le vendite sono diminuite. Ma non solo questo settore ne ha risentito, perché con l’inflazione e l’aumento dei prezzi non è stato risparmiato nessuno.

Nel 2022, i giochi per PC e console hanno generato 92,3 miliardi di dollari

Abbiamo sempre considerato il mercato dei videogiochi come un settore in costante crescita e abbastanza redditizio, soprattutto nel mercato della telefonia mobile con giochi gratuiti e microtransazioni. Dopotutto, il profitto su un videogioco è fondamentalmente entrate meno spese ed è allora che vediamo le società di giochi Triple A subire le conseguenze di tempi di sviluppo lunghi e costosi. Il 2022 è stato un anno di grandi lanci, dove possiamo evidenziare Anello Elden, Dio della guerra: Ragnarok, randagio O Guerra totale: Warhammer 3.

Con solo i primi due giochi menzionati, abbiamo dati di vendita che si attestano a qualcosa più di 30 milioni Oggi. Ebbene, pur avendo titoli di questo calibro, nel 2022 c’è stato un calo delle entrate sia nei giochi per PC che per console. Ed è che, secondo la società Newzoo, il reddito totale era 92,3 miliardi di dollari2,2% in meno rispetto al 2021. I giochi per dispositivi mobili non sono stati inclusi qui, quindi ci lascia a console con un 56,2% di reddito e pc con un 41,3% della cifra totale. Lui 2,5% restante rappresenta il giochi browser per pc.

Gli Stati Uniti guidano le vendite e il tempo medio di gioco è diminuito

I lavoratori di God of War Ragnarok molestano i fan

Ora che conosciamo la cifra delle entrate per i giochi e il piccolo calo che si è verificato nel 2022, è tempo di parlare di come sono state segmentate le vendite. Gli Stati Uniti sono diventati il ​​più grande mercato di gioco al mondo, dal momento che nel 2022 ha generato 31,2 miliardi di dollari per reddito, che rappresenta il 3. 4% delle vendite globali. Al secondo posto abbiamo la regione Asia Pacifico che ha ottenuto 30,2 miliardi di dollari con un 33% sulle vendite. Alla fine abbiamo Europa cosa con 24,3 miliardi di dollari nel reddito, rappresenta il 26%.

Tra gli altri dati forniti, abbiamo una significativa riduzione del tempo di gioco. Ed è che, tra il 2021 e il 2022, il il tempo medio di gioco è diminuito del 23%. Come affermato, è stata una combinazione di lasciarsi alle spalle la vita pandemica e tornare alla normalità insieme a importanti ritardi del gioco. È anche indicato che sempre più aziende stanno passando al modello di abbonamento nei loro giochi da allora estendere con successo i franchising invece di innovare con nuovi IP. Infine, e come fatto curioso, viene indicato che ce ne sono sempre di più donne giocano, perché nel 2022 hanno rappresentato il 40% dei giocatori totali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *