Windows 11 migliora leggermente le prestazioni delle CPU ibride

Dopo la filtrazione di Windows 11, dove tutte le voci indicano che sarà un aggiornamento a Windows 10, al portale, HotHardware gli è venuto in mente di testare le prestazioni del laptopl Samsung Galaxy Book S, che utilizza un processore Intel Core i7-L16G7 (Intel Lakefield), che offre un design ibrido, e scopri se questo nuovo aggiornamento ha davvero migliorato la gestione dei vari core della CPU, a maggior ragione quando si tratta di core di diversa potenza.

L’Intel Core i7-L16G7 è un processore a 5 core e 5 thread. Un nucleo ad alte prestazioni (Sunny Cove) insieme quad-core a basso consumo energetico (Tremonte).

Secondo i primi benchmark effettuati sull’ISO di Windows 11 trapelato, questo processore offriva Miglioramento delle prestazioni del 5,8% nel test multicore sotto il software di benchmarking Geekbench 5, mentre le prestazioni single-core sono aumentate di 2% semplicemente passando da Windows 10 a Windows 11. Se andiamo a un benchmark più affidabile come Cinebench R23, il miglioramento delle prestazioni è stato del 8,2 percento.

Va ricordato che Windows 11 sembra un Windows 10 che è stato fuso con MacOS, anche se al momento della realtà è la fusione tra Windows 10 e la versione per dispositivi pieghevoli Windows 10X. Al di là del livello visivo, si prevede che ci saranno molti miglioramenti sul cofano soprattutto in queste CPU ibride, e di più considerando che Intel prepara per la fine dell’anno il lancio dei vostri processori Alder Lake, che seguono questa tendenza, ma con core ad altissime prestazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.