14 paesi creano la prima riserva di gettoni di emergenza

Gli Stati Uniti spostano un nuovo pezzo sul tabellone e contrariamente a quanto previsto, seguono 13 paesi. Nel Quadro economico indo-pacifico o IPEF, guidato dall’amministrazione Biden, il Paese a stelle e strisce ha ufficializzato le voci che affermavano un’alleanza davanti alle coste di tutta la Cina. L’accordo raggiunto dai 14 Paesi non è solo vicino al Paese che finora è stato la fabbrica del mondo, ma rappresenta un vero e proprio controllo di fronte al rifiuto cinese di produrre nei volumi necessari. Pertanto, sarà Scorte di chip di emergenza indo-pacifiche.

Stranamente, la Cina non vuole più vendere al ritmo di cui il mondo ha bisogno. La loro economia sta crollando, le emissioni di CO2 devono diminuire a un ritmo mai visto prima se non vogliono affrontare miliardi di dollari di multe, hanno una crisi immobiliare al livello di quella che abbiamo subito in Occidente nel 2008 e per finire, acqua ed energia sono in direzioni opposte in termini di approvvigionamento. Per questo Xi Jinping, che fino ad ora aveva avuto una politica aperta verso il mondo, sta chiudendo le porte, e per questo i Paesi intorno a lui si muovono ed escludono indirettamente l’Europa.

L’Emergency Chip Reserve, accordo siglato ad inizio anno

Con la massima discrezione e con la massima spinta, i 14 paesi che compongono l’Indo-Pacifico e i suoi dintorni hanno detto basta alle tecniche di manipolazione della catena di approvvigionamento che il paese di Xi Jinping ha per mano. Niente di meno di Giappone, Australia, India, Corea del Sud, Brunei, Indonesia, Malesia, Nuova Zelanda, Filippine, Singapore, Thailandia e Vietnam, Figi e Stati Uniti. hanno raggiunto un accordo per ottenere l’accesso reciproco alle scorte di chip in una catena di approvvigionamento che condividerà l’inventario e i dati sui rischi, oltre a collaborare su fonti alternative per i chip.

L’accordo non si limita ai semiconduttori in generale, ma include anche DPI, terre rare e accumulatori in quello che sembra essere un affare su larga scala di cui non abbiamo ancora notizie, ma che sembra includere anche i FAB automobilistici e ad alte prestazioni.

Il gioco qui è evitare un quadro commerciale internazionale, o un accordo commerciale, il che significherebbe che dovrebbe essere continuamente rivisto dal Congresso degli Stati Uniti e dal resto dei paesi, mentre in questo modo le decisioni saranno prese molto più velocemente senza tanta politica e restrizioni coinvolte. Con questo in mente, si basa l’accordo tra i 14 quattro pilastri fondamentali che ogni Paese può selezionare autonomamente in base alle proprie esigenze:

  • Commercio generale.
  • Energia CO2 verde e pulita.
  • Sistemi anticorruzione.
  • Filiera del chip.

del 14 paesi solo due adottano contemporaneamente tutti e quattro i pilastri: Stati Uniti e Giappone.

Ma che dire di Taiwan in questa scorta di chip di emergenza?

Chip USA-Cina

Con TSMC che deteneva oltre il 50% della quota di chip totale mondiale, era logico pensare che l’isola di Taiwan sarebbe stata inclusa in questo accordo IPEF… Ma no, il 14 hanno rifiutato di includere Taiwan negli ordini degli Stati Uniti.

I motivi non sono chiari in quanto non sono state fornite spiegazioni formali, ma gli analisti affermano che questa è stata una mossa per dissipare i timori degli Stati membri in modo che nessuno si antagonizzasse con la Cina. Nello stesso tempo che lo escludono, ne hanno bisogno, è il paradosso e allo stesso tempo il freno al Paese asiatico in un unico movimento.

Perché l’amministrazione Biden dovrebbe farlo? Il motivo è tanto semplice quanto preoccupante: la fornitura di chip da Taiwan non è assicurata in nessuna misura. Gli Stati Uniti hanno già visto come la marina cinese abbia bloccato l’isola e come TSMC non abbia potuto inviare chip per quasi una settimana, bloccando totalmente le importazioni e le esportazioni con la forza usando i militari.

Per questo anche il progetto del CHIPS per l’America legge, dove TSMC costruirà un FAB all’avanguardia prendendo parte di quei 52.000 milioni di dollari che il governo degli Stati Uniti mette sul tavolo. Infatti, e come riportato dalla National Security Commission di quel Paese in materia di Intelligenza Artificiale su richiesta del governo, la dipendenza degli USA dalle importazioni di semiconduttori da Taiwan crea una vulnerabilità strategica per la sua economia e le sue forze armate. Bene, l’IPEF sta arrivando per risolvere questo problema e sicuramente Taiwan entrerà ad un certo punto quando le tensioni si abbasseranno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.