L’Unione Europea ha reagito ai movimenti di Stati Uniti e Cina, e questo implica un’accelerazione lo sviluppo dei propri semiconduttori che ti aiutano a non dipendere dal silicio prodotto da terze parti.

Per questo, 17 dei 24 paesi che compongono l’Unione Europea, hanno firmato una dichiarazione comune per lo sviluppo di processori di nuova generazione con un basso consumo energetico e utilizzando un processo di fabbricazione di 2nm per aiutare l’UE a essere in prima linea nella tecnologia dei semiconduttori, e per questo un primo round di finanziamento di 145 miliardi di euro per i prossimi due o tre anni.

Belgio, Francia, Germania, Croazia, Estonia, Italia, Grecia, Malta, Spagna, Paesi Bassi, Portogallo, Austria, Slovenia, Slovacchia, Romania, Finlandia, Cipro sono i 17 paesi che hanno accettato lo sviluppo congiunto di queste tecnologie.

La dichiarazione ha notato che la tecnologia dei semiconduttori dell’Unione europea attualmente non corrisponde alla sua posizione economicapoiché i paesi dell’UE rappresentano il 16% del PIL globale, ma solo il 10% del mercato dei semiconduttori da 440 miliardi di euro. “L’Europa ha ciò che serve per diversificare e ridurre le dipendenze critiche, pur rimanendo aperta“.

Questo rapporto si concentra sulla denominazione di varie tecnologie, oltre al 5G, in futuro 6G e sulla tecnologia dei semiconduttori, oltre a concentrarsi sulla produzione di processi avanzati con una litografia a 2 nm, che consentirà la creazione di silicio per telefonia mobile, Internet of Things, sanità, attrezzature aerospaziali e di difesa, intelligenza artificiale, data center e molto altro.

Decisamente, l’Unione Europea vuole l’indipendenza nelle tecnologie di supercalcoloe per questo farà affidamento sull’architettura RISC-V.

“Una strategia collettiva può aiutarci a costruire sui nostri punti di forza attuali e ad abbracciare nuove opportunità, poiché il silicio avanzato gioca un ruolo sempre più importante per la strategia industriale europea e la sovranità digitale”, ha affermato il capo del dipartimento digitale dell’Unione. L’europeo Thierry Breton in una dichiarazione.

attraverso: MyDrivers