Ad ottobre arriverà una GeForce RTX 3060 Ti con memoria GDDR6X

In una drastica svolta degli eventi, l’ottobre successivo NVIDIA lancerà un paio di nuove GPU, e in entrambi i casi si tratta due GeForce RTX 3060. Esatto, con il debutto della serie GeForce RTX 40 proprio dietro l’angolo, l’azienda amplierà la famiglia GeForce RTX 30.

Nello specifico, lancerà due schede grafiche, o meglio, rilancerà due schede grafiche, e queste sono le GeForce RTX 3060 e la sua versione vitaminizzata, il GeForce RTX 3060Ti anche se dovremo attendere il nome definitivo, poiché questi modelli creeranno confusione rispetto a quelli già disponibili sul mercato, o non sappiamo se li sostituiranno.

La GeForce RTX 3060 Ti passa alla memoria GDDR6X

Secondo i rapporti, entrambe le GPU A parte la memoria sono identici nelle specifiche rispetto agli attuali modelli disponibili sul mercato. In altre parole, i chip hanno la stessa potenza e il miglioramento delle prestazioni è legato solo all’aumento della larghezza di banda che deriva dal passaggio dalla memoria GDDR6 a quella GDDR6X. Che nella GeForce RTX 3060 Ti, poiché il modello “normale” riduce solo la capacità di memoria GDDR6 di 12 a 8 GB un movimento che verrebbe ad aiutare ad abbassarne i costi.

In questo modo, il NVIDIA GeForce RTX 3060 Ti GDDR6X Userei un chip con lo stesso 4.864 core CUDA ma con 8 GB di memoria GDDR6X che raggiungerebbe una velocità di 19 Gbps. Insieme a un’interfaccia a 256 bit, ciò implicherebbe una larghezza di banda di 608 GB/s che comporta un margine di miglioramento del 36% rispetto al 448 GB/s dalla Ti originale con 8 GB di memoria GDDR6.

Il NVIDIA GeForce RTX 3060 8GB offrirebbe lo stesso 3.584 core CUDA ma con accesso a 8 GB di memoria GDDR6 che mantiene la stessa velocità 15 Gbps del modello originale. È interessante notare che avremmo un taglio delle prestazioni e questa memoria sarebbe collegata un’interfaccia a 128 bit e non a 192 bit come il modello originale. Ciò implica una larghezza di banda di 240 GB/s rispetto ai 360 GB/s del modello originale.

Perché NVIDIA sta rilasciando questi modelli?

Non c’è onestamente alcun motivo dietro questa mossa, ma la serie X60 di NVIDIA lo è sempre stata il più popolare sul mercato per il suo equilibrio tra prezzo e prestazioni, e l’azienda si sta rafforzando in questo segmento in vista del lancio di una nuova generazione di GPU.

Potremmo pensare a numerosi ipotesi potendo pensare che l’azienda abbia migliorato le prestazioni di un modello e abbia abbassato il prezzo della sua variante originale per coprire due nuovi fronti che potrebbero aiutarlo a caro prezzo al lancio delle GPU Intel Arc Alchemist.

potremmo anche pensare che la serie GeForce RTX 40 è così costosa che la società rilasci queste due nuove GPU come opzioni”conveniente“per quegli utenti che non possono ricorrere a modelli più costosi.

Potremmo anche pensare a un semplice utilizzo di numerosi chip di GPU più potenti che hanno subito problemi e che sono state riproposte per creare GPU convenienti. In sostanza, il nuovo modello con memoria GDDR6X utilizzerebbe chip riciclati dalla GeForce RTX 3070, mentre è previsto il lancio da una GeForce RTX 3070 Ti con il chip GeForce RTX 3080, ma non ci sono modifiche alle specifiche.

Sinceramente, per ipotesi non lo sarà, quindi dovremo aspettare che sia la stessa NVIDIA a indicarlo il motivo dietro questi rilasci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.