Gli Stati Uniti avvertono i minatori di criptovalute di ridurre il consumo di energia

Il mining di criptovalute è stata un’attività molto criticata a causa dell’elevato consumo che comporta. In effetti, c’erano paesi che lo vietavano totalmente, perché era totalmente irrealizzabile. Adesso Stati Uniti d’America lo sta avvertendo consumo di mining di criptovalute dovere ridurre poiché è stato raggiunto un punto di non ritorno se il paese desidera raggiungere la neutralità del carbonio nel 2050.

La relazione tra criptovalute, mining e inquinamento è molto chiaro, il consumo di mining di criptovalute porta ad un aumento delle emissioni di anidride carbonica (CO₂) all’atmosfera. Come sappiamo, questo influisce direttamente sullo strato di ozono ed è una delle principali cause di cambiamento climatico. Per questo motivo paesi come gli Stati Uniti vogliono provare a realizzare neutralità del carbonio, detta anche impronta di carbonio zero, che consiste nell’emettere la stessa quantità di CO₂ di quella che viene rimossa. Tuttavia, il mining di criptovalute si trova tra questo obiettivo e ora la casa Bianca ha dovuto intervenire.

Il consumo di criptovalute negli Stati Uniti deve essere regolamentato

L’Ufficio della Casa Bianca per la politica scientifica e tecnologica, semplificato come OSTP, ha pubblicato una relazione dove avverte del pericolo di mining di criptovalute. Ed è quello, affermano che il mining di criptovalute negli Stati Uniti utilizza la stessa quantità di energia di tutti i PC o illuminazione residenziale di campagna. Ciò equivale alla bolletta elettrica annuale di tutti i data center del mondo. Questo consumo enorme è quindi equivalente a tra 25 e 50 milioni di tonnellate metriche di anidride carbonica all’anno come tutte le attività ferroviarie diesel statunitensi.

Come possiamo vedere, la situazione sta raggiungendo un limite in cui i legislatori devono attuare misure per reprimere l’attività mineraria. La cosa divertente è che questo report è stato pubblicato a metà settembre, dopo il crollo delle criptovalute. Inoltre, il minatori di criptovalute ogni volta che usano apparecchiature più efficienti. Ma tutto questo non è bastato, perché il difficoltà di blocchi minerari è aumentato.

Secondo l’OSTP, vengono aggiunti 52.560 blocchi Bitcoin all’anno e si stima che sia il consumo di energia per blocco Da 1,7 a 2,7 milioni di kWh. Inoltre, avvertono che queste stime non riflettono l’uso di elettricità al di fuori della blockchain, poiché il totale è molto più alto.

La Proof of Stake (PoS) dovrebbe risolvere questi problemi

Ethereum PoS riduce il consumo di energia

Se analizziamo il resto del report, vediamo un confronto con l’energia consumata dalle transazioni con carta di credito come Visa o MasterCard. Naturalmente, questi finiscono per utilizzare meno dell’1% dell’energia di valute come Bitcoin ed Ethereum in un anno. Mentre il governo degli Stati Uniti cerca di gestire il problema del mining di criptovalute e del suo consumo di energia, abbiamo una possibile soluzione. Questo sarebbe il Proof of Stake o PoS perché con questo sistema si potrebbe ridurre il consumo di energia a meno dell’1% di quello attualmente consumato.

Infatti, ethereum passerà presto a questo nuovo metodo, promettendo di adottare PoS già questo mese. settembre. Questo sarebbe arrivato con il tanto atteso “uniree il debutto di Ethereum 2.0, che non può più essere estratto come prima. Infatti, con questa modifica, il possessori di criptovaluta mettono le proprie monete su una blockchain. Qui ottengono un palo e man mano che questo aumenta, maggiore è l’influenza che hanno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.