Alcuni nuovi dischi rigidi NAS sono più problematici di un SSD

Una delle massime dei dischi rigidi rispetto alle unità a stato solido è il problema la sicurezza offerta dai dischi rigidi. La corruzione dei dati all’interno di un disco rigido meccanico richiede una grande macchina magnetica, mentre un SSD può essere danneggiato da problemi di tensione durante il normale trasferimento dei dati.

I moderni supporti di registrazione magnetici, alla base dei dischi rigidi, hanno una durata maggiore rispetto alla maggior parte delle moderne memorie flash NAND utilizzate negli SSD. Ma le valutazioni del carico di lavoro imposte dai produttori di dischi rigidi per diversificare il loro portafoglio di prodotti significano questo gli ultimi dischi rigidi destinati ai NAS sono meno affidabili anche degli SSD più economici.

I dischi rigidi aziendali recenti non durano più a lungo come una volta

Esistono diverse classi di dischi rigidi, con unità di livello aziendale classificate per un carico di lavoro di 550 TB all’anno. Un’unità NAS di livello aziendale è classificata per un carico di lavoro di 300 TB all’anno. Infine, le unità per PC desktop valutate per 180 TB all’anno. Gli SSD non sono classificati perché presentano valutazioni di resistenza di terabyte per scrittura e scrive al giorno che può essere utilizzato per calcolare la resistenza totale.

ServeTheHome ha confrontato il carico di lavoro annuale di 300 TB dell’ultimo disco rigido Western Digital WD Red Pro da 20 TB con le moderne valutazioni di resistenza SSD. WD Red Pro offre una garanzia limitata di cinque anni, quindi è progettato per gestire un carico di lavoro di 1.500 TB, un carico simile ai dischi rigidi IronWolf Pro e Toshiba di Seagate.

Nel caso dell’SSD WD_Black SN850 da 2 TB di Western Digital, è valutato a 1.200 TB in cinque anni e l’SSD NAS WD Red SA500 da 4 TB è valutato a 2.500 TB in cinque anni. Quest’ultimo è superiore al disco rigido Red Pro da 20 TB. I due SSD testati sono destinati a carichi di lavoro misti e ad alta intensità di lettura, quindi non sono di livello aziendale per carichi di lavoro ad alta intensità di scrittura.

Ma ciò non significa che i dischi rigidi siano diventati obsoleti. Gli esperti di ServeTheHome consigliano utilizzare entrambi i modelli per assicurarti che i tuoi dati siano al sicuro ed evitare problemi.

Fonte: Hardware di Tom

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.