Amazon è stata citata in giudizio per aver costretto i suoi venditori con i prezzi

Ancora una volta torniamo alle richieste che tanto abbondano, questa volta rivolte al popolare negozio online amazzone. Ed è quello, lo stato di California ieri ha presentato a causa antitrust contro Amazon.com, Inc. sostenendo di forzare il fornitori di terze parti accettare politiche per avere “prezzi artificialmente elevati“.

Alcuni mesi fa è stata intentata una causa contro Amazon per a comportamento anticoncorrenziale della compagnia. Ed è quello, hanno assicurato che la società stessa ha utilizzato i dati dei suoi venditori per realizzare un profitto. Per questo ha deciso di accettare tratta i tuoi fornitori in modo equo per evitare di essere multato. Inoltre, è stata aggiunta una seconda scatola di acquisto per offrire più opzioni al momento dell’acquisto di un prodotto. Ma tutto questo sembrava essere insufficiente per evitare la multa. In effetti, Amazon è stata tentata di farlo abbandona la tua linea di prodotti Amazon Basics e Amazon Essentials per uscire da questa causa.

Amazon non si arrende, continua ad approfittare dei suoi venditori e dei suoi prezzi

Anche se sembrava che ci sarebbero state modifiche evidenti alla piattaforma, sembra che al momento non sia così. Ed è che, il Procuratore Generale dello Stato della California, Bob Ronta affermo che la causa antitrust contro Amazon è dovuta al fatto che l’azienda firma accordi con i mercanti amazzone quale impedire ai venditori di fissare prezzi più bassi nei negozi concorrenti. E nel caso lo facessero, vengono imposti sanzioni economico.

Questo fa sì che, da un lato, i venditori siano obbligati ad avere gonfiare artificialmente i prezzi e inoltre, non possono venderli in altri negozi online più economici. In questo modo, Amazon eliminare la concorrenza da altri rivenditori e piccole imprese. Ecco perché Amazon è stata accusata di comportamento anticoncorrenziale e concorrenza sleale. Pertanto, lo stato della California richiede all’azienda di risarcire i propri consumatori. Ed è quello, hanno dovuto pagare prezzi più alti di quanto dovrebbero a causa delle offerte Amazon.

Se i venditori abbassassero i prezzi in altri negozi, potrebbero essere espulsi

amazon ebay

La maggior parte dei commercianti che vendono su Amazon vendono anche in molti negozi come Walmart, eBay o anche sulle proprie pagine web. Ecco perché l’affare Amazon è così aggressivo, lasciando i venditori con due opzioni o seguire le regole o andarsene. Qui l’unico beneficiario è il popolare negozio online, poiché sia ​​i venditori che gli utenti che acquistano lì finiscono per pagare un prezzo più alto. Ronta, infatti, assicura che il Venditori di terze parti Amazon ottenere più di 80% del tuo reddito in quel negozio.

Inoltre, con questi accordi, garantiscono di avere i migliori o uno dei migliori prezzi sul mercato nonostante siano gonfiati. Tuttavia, Amazon è convinta che si tratti di una farsa e la causa sta cercando di fargliela vedere diversamente. Secondo lui rappresentante amazon, alex haurek il fornitori sono quelli scegli i loro prezzi e la società non forza il caricamento, perché ciò va contro la legge antitrust. Tuttavia, Amazon è già stato studiato in passato per casi simili.

Ed è che, 3 anni fa aveva già una causa per politiche di prezzo della compagnia. Questa modifica della politica ha costretto i fornitori a farlo aumentare i prezzi nei negozi della concorrenza come Walmart. Pertanto, dovremo aspettare per vedere come procede la causa e il futuro processo in tribunale nel caso in cui non venga archiviata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.