AMD utilizzerà le istanze di Google Cloud per progettare i suoi futuri processori

Google Cloud e AMD hanno annunciato questo fine settimana una curiosa associazione tecnologica, in cui AMD eseguirà l’automazione della progettazione elettronica (EDA) per i tuoi carichi di lavoro di progettazione di chip su Google Cloudespandendo così ulteriormente le capacità locali dei data center AMD.

AMD sfrutterà inoltre le capacità globali di networking, storage, intelligenza artificiale e machine learning di Google Cloud per migliorare ulteriormente la sua strategia ibrida e multicloud per questi carichi di lavoro EDA.

La scalabilità, l’elasticità e l’utilizzo efficiente delle risorse svolgono un ruolo fondamentale nella progettazione dei chip, soprattutto perché la domanda di elaborazione informatica cresce con ogni avanzamento del nodo.

Per rimanere flessibile e scalare facilmente, AMD aggiungerà la nuova istanza VM C2D ottimizzata per Google Cloud Computing, alimentato da processori AMD EPYC di terza generazione, al suo insieme di risorse focalizzate sui carichi di lavoro EDA. Sfruttando Google Cloud, AMD prevede di poter eseguire più progetti in parallelooffrendo al team una maggiore flessibilità per gestire le richieste di elaborazione a breve termine, senza ridurre l’allocazione su progetti a lungo termine.

“Nell’ambiente odierno dei semiconduttori, la velocità, la scalabilità e la sicurezza del cloud sbloccano la flessibilità necessaria”, ha affermato Sachin Gupta, GM e VP of Infrastructure di Google Cloud. “Siamo entusiasti di fornire l’infrastruttura per soddisfare le esigenze di prestazioni di elaborazione di AMD e di dotare l’azienda delle nostre soluzioni di intelligenza artificiale per continuare a progettare chip innovativi”.

“Sfruttare le istanze C2D di Google Cloud basate su processori EPYC di terza generazione per i nostri complessi carichi di lavoro EDA ha aiutato enormemente i nostri team di progettazione e IT. C2D ci ha permesso di essere più flessibili e ci ha fornito una nuova strada di risorse ad alte prestazioni che ci consentono di combinare e abbinare la giusta soluzione di elaborazione per i nostri complessi flussi di lavoro EDA”, ha affermato Mydung Pham, vicepresidente aziendale di Silicon Design Engineering, AMD. “Siamo lieti di collaborare con Google Cloud per sfruttare le sue ricche funzionalità cloud e le funzionalità EPYC di terza generazione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.