Il sito tedesco Golem testato quattro processori Ryzen basato su diverse architetture Zen e ha rivelato l’enorme miglioramento delle prestazioni che AMD ha ottenuto in questi anni.

Cominciamo con un po ‘di memoria: la serie Ryzen di AMD ha fatto il suo debutto nel 2016, quando l’azienda ha introdotto il Ryzen 7 1800X come il suo processore di punta che presentava 8 core e 16 thread. Questa CPU aveva un turbo clock di 4,1 GHz, un numero che è molto inferiore ai 5,0 GHz che alcuni processori Ryzen possono raggiungere oggi.

Golem ha testato quattro Ryzen con la stessa configurazione (8 core e 16 thread), ma basati su architetture differenti. Tutti sono stati testati su schede madri X470 e X570, a seconda della compatibilità, ovviamente.

La cosa da tenere a mente è che il file frequenza di memoria è stato stabilito in conformità con il supporto dell’architettura Zen, che supportava solo la memoria a 2666 MHz. Da parte sua, Zen + supportava fino a 2933 MHz, mentre Zen2 e Zen3 supportavano già memorie DDR4 fino a 3200 MHz.

Come possiamo vedere, il rapporto lo rivela L’AMD Ryzen 7 5800X offre il 180,9% delle prestazioni del Ryzen 7 1800X nei 7 giochi che sono stati testati. Inoltre, il processore sembra essere il 72% più veloce del 1800X nelle applicazioni:

AMD Zen 3+ e Zen 4, cosa ci aspetta

AMD dovrebbe lanciare una nuova serie basata sull’architettura il prossimo anno. Zen3 +, nome in codice Warhol. Questa serie potrebbe rimanere nella famiglia Ryzen 5000 o essere rilasciata come Ryzen 6000.

D’altra parte, il primo processore basato su Zen 4 Dovrebbe essere rilasciato quando AMD è pronta a supportare la memoria DDR5. Questa serie, nome in codice Raphael, dovrebbe fornire anche la nuova presa AM5.

Incredibile ciò che AMD ha ottenuto in questi 4 anni con i suoi Ryzen: fino a dove arriverà?

Fonte: VideoCardz