La settimana scorsa, Epic Games ha intentato una causa contro Apple per aver utilizzato pratiche monopolistiche nell’App Store. Oggi Apple ha risposto alla sfida legale con un documento che chiede al giudice di non annullare la rimozione di Epic Games dal negozio online mentre la causa è in corso. Cupertino’s accusa inoltre lo sviluppatore della Fortnite di cercare “aiuto d’emergenza, quando l'”emergenza” è stata creata da Epic” e di mettere in pericolo l’ecosistema dell’App Store.

Tra le prove che Apple ha presentato c’è una mail che Tim Sweeney, fondatore e CEO di Epic Games, ha inviato a diversi dirigenti Apple chiedendo due cose: la possibilità di introdurre pagamenti diretti per rinunciare alle commissioni dello store e trasmetterli ai clienti, e di poter lanciare l’Epic Games Store su iOS con lo stesso accesso dell’App Store. Se Apple ha accettato queste opzioni per Epic Games, Sweeney si aspettava che lo stesso trattamento venisse riservato a tutti gli altri sviluppatori.

Apple non ha ceduto, e il 13 agosto, lo stesso giorno in cui Fortnite è stata rimossa dall’App Store, Sweeney ha inviato un’e-mail in cui dichiarava che Epic Games stava abbandonando le restrizioni di elaborazione dei pagamenti dello store. L’esecutivo ha anche emesso un avvertimento; se Apple dovesse bloccare l’accesso a Fortnite o il rilascio di aggiornamenti, “Epic sarà purtroppo in conflitto con Apple su diversi fronti: creativo, tecnico, commerciale e legale, per tutto il tempo necessario per apportare modifiche, se necessario per molti anni.

Apple si difende affermando che “se gli sviluppatori possono evitare il nostro metodo di pagamento digitale, sarebbe come se un cliente lasciasse un negozio Apple senza pagare un prodotto rubato. Per quanto riguarda l’App Store, Apple afferma che non si tratta di un “semplice mercato”, ma di una parte di un “pacchetto più ampio di strumenti, tecnologie e servizi” che l’azienda mette a disposizione degli sviluppatori. Dice anche di non poter garantire che Epic Games o qualsiasi altro sviluppatore mantenga gli stessi standard di privacy, sicurezza e contenuti.

“Se ogni sviluppatore è libero di violare i propri contratti con Apple e può bypassare il processo di revisione delle applicazioni, allora l’App Store di Apple non può offrire ai consumatori e agli sviluppatori molti dei vantaggi che offre attualmente”, dice Phil Schiller, direttore marketing di Apple. “E se gli sviluppatori possono bypassare (gli acquisti all’interno dell’applicazione) ed evitare di pagare ad Apple la commissione che devono contrattualmente, Apple non sarà in grado di continuare il suo investimento.

“Le azioni di Epic stanno mettendo a rischio l’intero modello di App Store”, conclude Schiller.