Come sapere se un cavo USB-C funziona con un carico di 240 W

L’insondabile farfugliare di versioni e interfacce che compongono lo standard USB ha cominciato ad essere drasticamente semplificato con la comparsa del connettore Type-C, ma con il passare del tempo si sono aggiunte funzioni e caratteristiche tecniche migliorate, recuperando una complessità che ora l’USB consorzio -IF vuole ridurre con l’etichettatura speciale per i cavi di ricarica rapida.

Il nuovo logo debutterà sui cavi che supportano la trasmissione di potenza da 240 W, una funzionalità che è stata aggiunta con la versione 2.1 della specifica USB Type-C (che incorpora USB PD 3.1). Lo ritroveremo sia nei dispositivi USB4 con detto connettore che in quelli tecnicamente appartenenti ad una precedente revisione dello standard (e quindi più lenti) ma con supporto alla nuova ricarica rapida.


Guida all’etichettatura per i nuovi cavi USB4, USB-C compatibili con caricabatterie da 240W e 240W.

La nuova etichettatura mostrerà anche se il cavo “solo” supporta la ricarica da 60 W e metterà in risalto la velocità di trasferimento, in modo che i consumatori possano sapere se il loro nuovo cavo USB4 (che adotta USB-C come unico connettore disponibile) raggiunge il limite teorico di 40 Gbps o se, al contrario, fornisce una velocità inferiore.

Inoltre, USB-IF ha pubblicato l’etichetta che distinguerà i caricabatterie compatibili con 240 W dal resto. Logicamente questo logo si troverà solo sui prodotti che fanno uso della tecnologia USB PD 3.1, e non su quelli basati su sistemi di ricarica proprietari e quindi fuori standard.

Come accade fin dai tempi dei primi cavi SuperSpeed, alcuni produttori piccoli o anonimi possono offrire cavi conformi a queste specifiche senza visualizzare un logo di alcun tipo. E mentre questo non era così importante dieci anni fa (il peggio che poteva succedere è che il cavo fosse lento), vista la potenza con cui funziona e le esperienze di alcuni utenti con la prima USB-C a ricarica rapida, l’utilizzo di cavi e dispositivi approvati può essere molto più di quanto consigliato se si desidera evitare problemi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *