Così sono i televisori Mini LED del produttore sudcoreano

Il CES 2021 non sarà faccia a faccia, ma i principali produttori del settore dell’elettronica di consumo si preparano ad assistere al nuovo format virtuale con la consueta serie di novità. Tra questi c’è LG, che oltre a lanciare televisori OLED di nuova generazione entrerà a pieno titolo nel numero ancora esiguo di aziende con modelli LCD Mini LED.

Battezzati QNED, questi televisori combinano la tecnologia LCD NanoCell con un rivestimento a punti quantici per migliorarne il colore. L’importante, però, è lo strato emissivo, che sarà costituito da un pannello Mini LED composto da quasi 30.000 punti luce per fornire circa 2.500 zone di attenuazione.

Per riferimento, il Samsung Q950TS, uno dei più moderni televisori Full Array 8K sul mercato, ha un totale di 488 zone di illuminazione.

I televisori Samsung Full Array non raggiungono le 500 zone di illuminazione indipendenti. Foto: Samsung.

L’utilizzo della tecnologia Mini LED fornirà diversi vantaggi ai televisori LCD LG, il principale dei quali è un’illuminazione molto più omogenea, in particolare nelle stanze buie, una maggiore precisione del colore e un livello di luminosità molto elevato, che consente di ottenere un contrasto di 1.000.000: 1 secondo le misurazioni ufficiali. Si posizioneranno come un’opzione inferiore alla tecnologia OLED, che continua ad essere preminente nel catalogo LG, ma sta guadagnando prestazioni rispetto agli attuali modelli NanoCell.

La gamma di lancio sarà composta da dieci modelli QNED 4K e 8K fino a 86 pollici e una frequenza di aggiornamento massima di 120 Hz. Almeno questo ultimo modello verrà visualizzato presso lo stand virtuale di LG al CES 2021. I prezzi e le date di lancio saranno annunciati dopo.

La tecnologia MicroLED continua ad avanzare con le Prime prenotazioni per il modello Samsung da 110 pollici

Immagine

D’altra parte, Samsung ha aperto le prenotazioni in Corea del Sud per il suo televisore MicroLED da 110 pollici, rivolto al mercato interno. Questa tecnologia di nuova generazione è totalmente diversa da quella utilizzata nei Mini TV LED in quanto non utilizza uno strato LCD per generare il colore. Invece, come con i televisori OLED, ogni pixel viene acceso o spento in modo indipendente, consentendo un controllo quasi completo sulla qualità dell’immagine.

La TV, che ha una risoluzione 4K e un sistema audio spaziale 5.1 appositamente progettato, ha un prezzo di 170 milioni di won, pari a circa 130.000 euro. Le consegne inizieranno a marzo. Secondo Samsung, la sua TV più esclusiva includerà una garanzia di sette anni, oltre a un servizio di trasloco e assistenza all’installazione valido due volte fino a quando la copertura dura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *