Ecco come sarà il mini PC ad alte prestazioni del futuro

Intel ne ha diversi computer di piccola dimensione che appartengono alla gamma Intel NUC (Prossima unità di calcolo). Questi si distinguono per offrire grandi prestazioni, sia nei videogiochi che nella produttività, pur mantenendo dimensioni molto compatte. Ora quello che sarebbe il Intel NUC 13 Extreme chiamato Baia dell’Averla.

L’Intel NUC 13 Extreme ha già mostrato molte delle sue specifiche poco più di un mese fa. Grazie alla roadmap di Intel, sapevamo che sarebbero stati rilasciati entro la fine dell’anno sotto forma di due prodotti, Canyon dei rapaci Y Baia dell’Averla. Entrambi appartengono, ovviamente, alla 13a generazione di processori Intel e quindi utilizzeranno CPU Raptor Lake. Di questi, inoltre, sapevamo che avrebbero raggiunto il 24 core e 32 thread confermando l’esistenza di a 13900K come configurazione top di gamma. Ora abbiamo anche un Immagine di come sarebbe il suo design, anche se c’è un “piccolo inconveniente”, poiché è di risoluzione molto bassa.

Questo sarà l’Intel NUC 13 Extreme Shrike Bay

Prima di impazzire per la qualità dell’immagine, tieni presente che la fonte originale che l’ha trapelata, momomo_us lo pubblicò con un’incredibile risoluzione di 97 x 134 pixel. Pertanto, nemmeno utilizzando tecnologie di ridimensionamento all’avanguardia è stato possibile ottenere più dettagli di quelli che vediamo. Anche così, possiamo avere un’idea di come sarà il suo design, perché vediamo a Slot PCIe x16 per il GPU Y due slot DIMM per i ricordi RAM. Di questi ultimi non sappiamo se utilizzeranno DDR4 o DDR5, per via della piattaforma conosciamo solo i processori che utilizzeranno e le dimensioni che avranno.

Di quest’ultimo si può dire che si tratta di un sostanziale aumento delle sue dimensioni. Ed è che l’Intel NUC 12 Extreme ha un volume di 8 litri mentre questo NUC 13 Extreme raggiungerà 13,9 litri di volume. Pertanto, è previsto l’utilizzo di a refrigerazione a liquido per tenere sotto controllo le temperature della CPU Raptor Lake ad alto consumo.

Supporterà fino a un i9-13900K e arriverà alla fine dell’anno

Intel NUC 13 Extreme Shrike Bay Raptor Canyon

Dalla serie Intel NUC 13 Extreme, possiamo vedere che abbiamo sia Raptor Canyon che Shrike Bay. Il primo di questi ha lo scopo di offrire il kit computer di base con un volume di 13,9 litri, con fino a i9-13900K come la configurazione più estrema. Quindi abbiamo parlato di avere un processore di 24 core Y 32 fili insieme a 8 P-core alte prestazioni e 16 E-core efficiente. Insieme a questi, abbiamo 68 MB di cache diviso tra 32 MB di cache L2 e 36 MB di cache L3 e un TDP di 125 W. Che sì, dentro PL1poi dentro PL2 raggiunge il 253W e in modalità massime prestazioni raggiungerà il 350 W. Quasi nulla, e tutto si raffreddava in un computer così piccolo con una grafica dedicata.

Riguardo a Intel NUC 13 Extreme Compute Element, chiamato Shrike Bay, avremo a disposizione alcune configurazioni in più. Evidenzia quindi la possibilità di installare versioni KF dei futuri processori Intel Lago Rapace. Ed è che ci viene offerta la possibilità di scegliere a i5-13600KF un i7-13700KF o a i9-13900KF. Nel caso non lo sapessi, queste versioni si distinguono per non offrire una grafica integrata, risparmiando un po’ di soldi. Ricordiamoci quindi che se Intel adempirà alla sua roadmap (anche se un ritardo non ci sorprenderebbe), questi Intel NUC 13 Extreme arriveranno durante il quarto trimestre 2022.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.