Lanciato lo scorso marzo, abbiamo finalmente con noi l’impressionante e controverso Huawei P40 Pro, un prodotto che offre un’esperienza ineguagliabile nella fotografia ma che lascia da parte i servizi di Google. Essendo la punta di diamante dell’azienda, insieme al fratello Pro Plus, offre un impressionante schermo OLED Full HD+ da 6,58 pollici con bordi curvi, oltre al processore Kirin 990 5G per dargli vita. Ma non facciamo un passo avanti e iniziamo con le sue specifiche tecniche.

Huawei P40 Pro
Schermata6,58 pulgadas – 20:9
Panel OLED – 90 Hz
2.640 x 1.200 pixeles (Full HD+, 441 PPI)
100% DCI-P3
HDR10+
Corning Gorilla Glass 2,5D
ProcessoreHUAWEI Kirin 990 5G
8 núcleos Cortex
2 x A76 @ 2,86 GHz + 2 x A76 @ 2,36 GHz + 4 x A55 @ 1,95 GHz
GraficaMali-G76
Memoria8 GB RAM LPDDR4X
256 GB UFS 3.0
TelecamereCuli:
– Ultra Vision 50 MP (Gran angular, f/1.9, OIS
– Cine 40 MP (Gran angular, f1/1.8)
– SuperSensing 12 MP (Teleobjetivo 5x, f/3.5, OIS)
– Detección de profundidad 3DFrontal:
– Selfi 32 MP (f/2.2)
Batteria4.200 mAh
SuperCharge – 40W
*Caricabatterie wireless opzionale per 27W
Sistema operativoEMUI 10.1 (Android 10)
Huawei Mobile Services (Sin Google Services)
ConnettivitàDual Nano-SIM: 5G (NA/NSA) + 4G
WiFi 6 (MIMO 2×2)
Bluetooth 5.1 + NFC
USB-C 3.1 GEN1
SuonoDolby Atmos
Dimensioni158,2 x 72,6 x 8,95 m
Superficie útil: 92%
Peso209 gramos


Imballaggi e accessori

L’Huawei P40 Pro viene fornito in una scatola di cartone bianco abbastanza convenzionale, con meno fascino di quanto dovrebbe avere un dispositivo della sua gamma.

Huawei P40 Pro - Embalaje interior

Huawei P40 Pro - Accesorios

Ma viene fornito con un trasformatore di alimentazione fino a 10V/4A (40W), un cavo USB / USB-C per l’interconnessione, un auricolare cablato e una custodia in silicone che è perfetta per proteggerlo fin dal primo momento.

Design

Huawei P40 Pro - Vista frontal

Essendo il nuovo fiore all’occhiello del marchio, sapevamo che il design non ci avrebbe deluso e che nulla poteva essere più lontano dalla verità. Costruito su un telaio in alluminio, l’Huawei P40 Pro offre linee curve che sono l’invidia di qualsiasi terminale, anche se il fatto che il suo schermo ne prenda parte è qualcosa di più estetico che pratico. Con dimensioni di 158,2 x 72,6 x 8,95 m e un peso di 209 grammi, non è un mobile troppo leggero o compatto, ma non potrebbe essere altrimenti per dare vita a un display di 6,58 pollici. Naturalmente, ha un vetro Gorilla 2.5D di Corning che protegge sia lo schermo che le telecamere, in quanto sono integrate in un’isola decentrata a sinistra che vedremo più avanti in dettaglio. Inoltre, è certificato IP68, proteggendolo da polvere, spruzzi e acqua fino a 1,5 metri di profondità per 30 minuti, anche se eventuali danni non sono coperti dalla garanzia.

Huawei P40 Pro - Vista trasera

Ma dove davvero attira l’attenzione è nel suo retro, che possiamo acquisire in nero, grigio o oro, ma sempre con una finitura a metà strada tra il lucido e l’opaco, perché mentre lo sfondo del dipinto non è molto luminoso, il vetro fornisce questo effetto. Come è logico, le tracce rimangono marcate con la tipica facilità di un bicchiere, anche se il colore opaco le rende meno appariscenti. Il peccato è che probabilmente finiremo per metterci una copertura per non danneggiarla, tanto lavoro di ingegneria e progettazione andrà sprecato.

Huawei P40 Pro - Margen izquierdo

Mentre il margine sinistro ha poco o niente da dire, sulla destra troviamo i 3 pulsanti di base di qualsiasi terminale Android, i pulsanti di accensione/blocco e del volume. È il primo di questi che dà un tocco di rosso che, francamente, sarà appena visibile da usare.

Huawei P40 Pro - Margen derecho

Sul margine superiore troviamo un sensore a infrarossi molto tipico della marca che ci permette di usarlo come telecomando, mentre sul margine inferiore vediamo l’altoparlante principale, il connettore USB-C 3.1 Gen1 per la ricarica e il trasferimento dati e un vassoio per due schede nano-SIM. E’ in uno di essi che possiamo ottenere la connettività 5G, mentre l’altro sarebbe “limitato” alla connessione 4G. Per quanto riguarda la connettività, si noti che lascia da parte il tradizionale jack da 3,5 mm, una cattiva endemica in alta gamma per “risparmiare spazio”. Tuttavia, offre WiFi 6 a doppia banda (MIMO 2×2) e connettività Bluetooth 5.1 con NFC, come non potrebbe essere altrimenti.

Schermata

Huawei P40 Pro - Pantalla

Il primo aspetto su cui ci stiamo concentrando in particolare con l’Huawei P40 Pro sarà la sua esposizione. Ha un pannello OLED da 6,58 pollici in formato 20:9 con risoluzione Full HD+, che si traduce in 2640 x 1200 pixel e una densità di 441 PPI. È vero che non è una delle più alte risoluzioni offerte, perché il marchio di solito non compete in questo senso, il che personalmente sembra assurdo, perché con tale risoluzione vedremo i pixel solo se li cerchiamo con una lente d’ingrandimento. Tuttavia, se offre una frequenza di aggiornamento di 90 Hz, un successo sia per i giochi che per qualcosa di semplice come lo scrolling, perché offre una fluidità che si apprezza fin dal primo momento in cui abbiamo iniziato ad usarlo.

Huawei P40 Pro - Pantalla en detalle

Offre un’ottima luminosità massima che ci permette di utilizzarlo all’aperto con giornate di sole senza problemi, così come colori molto brillanti di default, anche se possiamo scegliere modalità diverse se queste non ci convincono. Possiamo anche scegliere di nascondere l’isola della telecamera frontale con una striscia nera, una scelta che riduce la fruibilità dello schermo più di quanto non faccia già nel caso in cui ne vengano rimossi i bordi curvi e le telecamere stesse. Detto questo, per assaggiare. In ogni caso, le lunette sono minime e raggiungono una sensazionale usabilità della superficie dello schermo del 92%.

Dobbiamo anche sottolineare che non ci sono pulsanti sullo schermo, nemmeno nel software, quindi dovremo usare i gesti per muoverci tra le applicazioni. All’inizio può diventare un po’ disordinato se non ci si è abituati, ma dopo qualche giorno di utilizzo, escono da soli, almeno quelli “indietro” e “home screen”, che fanno scivolare il dito dai lati verso il centro e dal margine inferiore verso l’alto con rispetto.

Prestazioni

Come di consueto con il marchio, sono i terminali Mate che hanno un nuovo processore e i terminali P che lo mantengono. Ecco perché il P40 Pro utilizza il Kirin 990 5G, un modello composto da 8 nuclei Cortex che si dividono in due A76 @ 2,86 GHz, due A76 @ 2,36 GHz e quattro A55 @ 1,95 GHz. Questi sono combinati con la grafica Mali-G76 e non meno di 8 GB di RAM LPDDR4X, così come 256 GB di memoria interna UFS 3.0.

Huawei P40 Pro - Antutu

Tutti sanno che il punto di riferimento per eccellenza per i cellulari non è altro che Antutu, in cui ha 465.303 punti. Se vediamo il grafico seguente, è circa il 25% rispetto ai terminali con lo Snapdragon 865, anche se è simile ad alcuni modelli con l’855+.

Huawei P40 Pro - Antutu comparativa

Huawei P40 Pro - Asphalt 9

In ogni caso, avremo la possibilità di giocare qualsiasi titolo 3D impegnativo senza alcun tipo di lageos o mancanza di fluidità. Inoltre, dopo circa 30 minuti di gioco, non abbiamo notato una temperatura troppo alta, anche se logicamente fa un po’ caldo, soprattutto nella zona delle camere posteriori.

Huawei P40 Pro - Detalle jugando

Approfittiamo dello scatto di un gioco e del suo equivalente fotografato per vedere come l’isola della macchina fotografica non si preoccupi minimamente in questo o in altri giochi, considerandola personalmente un’opzione migliore che nasconderla con la barra nera e perdere lo schermo.

Sistema

Huawei P40 Pro - EMUI 10.1 01

Passando al terzo, forse più controverso, l’Huawei P40 Pro gestisce il sistema operativo EMUI 10.1 basato su Android 10 ma, come forse saprete, senza servizi Google a causa del blocco statunitense. Cosa significa? Ebbene, che non abbiamo preinstallato le applicazioni di Google, evidenziando tra queste il Google Play store. Ecco perché i Mobile Services di Huawei prendono il controllo e con loro l’AppGallery store, l’alternativa del marchio.

Huawei P40 Pro - EMUI 10.1 02

Huawei P40 Pro - EMUI 10.1 03

Il fatto che il negozio ufficiale ci proponga di aprirlo e di installarne un altro, Instapps, la dice lunga sulle possibilità che offre, perché, nonostante il catalogo sia ampio, mancano molte applicazioni e giochi importanti. Ne troviamo alcuni famosi come TikTok, quelli del cibo e della radio più famosi o anche giochi come Fornite e Asphalt 9. Tuttavia, tra quelli mancanti ce ne sono alcuni come Whatsapp, Facebook o Instagram, anche se ti invia al sito ufficiale per il download, e giochi come Call of Duty, che nemmeno dal loro sito abbiamo un link per il download.

Huawei P40 Pro - EMUI 10.1 04

Huawei P40 Pro - EMUI 10.1 05

Ecco perché vi offrono Instapps, da cui se troviamo queste applicazioni e molte da Google, quindi anche dalla fabbrica il problema è minimizzato il più possibile.

Ora, se vogliamo che i servizi di Google sincronizzino tutti i suoi elementi come facciamo nei terminali compatibili, dovremo estrarre da Internet e ottenerlo senza troppi problemi, perché ci sono tutorial a decine, ma ovviamente non è una cosa che l’utente di base è disposto a fare.

Huawei P40 Pro - EMUI 10.1 06

Si noti che le applicazioni installate come Musica, Video, Salute, Mail, chiare alternative al puro Android all’interno dell’ecosistema Huawei, anche se se vogliamo approfittare del primo di questi abbiamo bisogno di un abbonamento.

Fotocamere

Huawei P40 Pro - Cámaras frontales

È giunto il momento di mettere a fuoco le telecamere, a partire da quelle anteriori che vediamo su un’isola nera lunga circa 17 x 6 mm. A prima vista, può sembrare molto grande e, francamente, lo è, ma se si integrano due telecamere più il sensore di prossimità, non può essere piccolo. In particolare, abbiamo un sensore principale di 32 megapixel con apertura f/2,2 e una seconda telecamera di profondità che supporta anche lo sblocco facciale a infrarossi. Ovviamente offre la messa a fuoco automatica e anche la registrazione video 4K a 60 FPS, che è notevole nella telecamera Selfi.

Come possiamo vedere, le catture hanno un livello di dettaglio impressionante, alla pari con i principali sensori terminali di fascia media di oggi, il che non è un’impresa da poco. Buon effetto di sfocatura e colori molto buoni in quasi tutte le situazioni per gli amanti di innamorarsi di questo terminale, in attesa di quello che sembra che il Mate 40 offrirà.

Huawei P40 Pro - Cámaras traseras

E abbiamo finalmente raggiunto il punto chiave di questo terminale: le sue telecamere posteriori. È qui che Huawei ha tirato fuori tutta l’artiglieria per ottenere il miglior smartphone fotografico del momento grazie ad un compendio di 4 macchine fotografiche che dettagliamo qui di seguito:

  • Telecamera Ultra Vision con sensore Sony IMX700 RYYYB da 50 megapixel e 1/28 pollici. Obiettivo grandangolare con apertura f/1,9 e stabilizzazione ottica dell’immagine (OIS). Stesso sensore degli altri modelli del marchio dei fratelli Honor 30 Pro e P40.
  • Telecamera Sony IMX650 da 40 megapixel, 1/54 di pollice. Obiettivo grandangolare con apertura f/1,8.
  • Telecamera SuperSensing con sensore RYYB da 12 megapixel. Teleobiettivo 5x con apertura f/3,4 e OIS.
  • Telecamera di rilevamento profondità 3D

Basandosi sul fatto che offre la messa a fuoco automatica e la stabilizzazione ottica dell’immagine (OIS), “la fotocamera” della Huawei P40 Pro non cerca di distinguersi in qualcosa di assurdo come i megapixel, ma piuttosto nella varietà di situazioni che le sue “4 sub-camere” le permettono di catturare nel miglior modo possibile. Per fare questo, si avvale di un’intelligenza artificiale che, oltre a scegliere la migliore macchina fotografica per ogni situazione, permette uno zoom ibrido fino a 50x, in quanto il teleobiettivo 5x è integrato da uno zoom digitale 10x. Consente inoltre di raggiungere un valore ISO massimo di 409.600 per scatti con illuminazione inferiore, mentre il suo “GC” (per l’acronimo che compare nel software) è più che altro un grandangolo con un formato 16:9. Si noti anche che offre la registrazione video 4K a 60 FPS, così come il rallentatore a 1080p a 1920 FPS e 720p a 7680 FPS.

Vediamo qui sotto una galleria di foto che abbiamo scattato con questo terminale in diverse situazioni:

Huawei P40 Pro - Galería 1

Huawei P40 Pro - Galería 2

Nella fotografia stradale diurna con una buona illuminazione, il sensore principale mostra ovviamente un’eccellente qualità e definizione, anche se a volte si affida troppo all’HDR per ottenere colori innaturali, anche se questo è più evidente sul computer che sul terminale stesso.

Huawei P40 Pro - Galería 3

Huawei P40 Pro - Galería 4

Nei due scatti precedenti possiamo vedere come anche di notte raggiunga un eccellente livello di dettaglio nei monumenti illuminati, e possiamo anche apprezzare in essi la differenza tra il sensore principale e il sensore ultra-grandangolare. Dobbiamo sottolineare che anche questo contribuisce in modo molto dettagliato, cosa che normalmente non accade in altri terminali.

Huawei P40 Pro - Galería 5

Sono rimasto impressionato da questa foto di notte, perché riesce a far emergere un livello di luce e di dettaglio impensabile solo poco tempo fa su uno smartphone, ancor più senza l’uso di un treppiede.

Huawei P40 Pro - Galería 6

Huawei P40 Pro - Galería 7

Altrettanto impressionante è il suo teleobiettivo, in quanto supportato dall’IA ottiene foto della luna davvero impressionanti. Ancora una volta, in movimento!

Huawei P40 Pro - Galería 8

Un’anomalia del terminale è che non ha una fotocamera macro, anche se non ne ha bisogno. Grazie al teleobiettivo, dobbiamo solo scattare la foto da un po’ più lontano, zoom are 5 volte e ottenere immagini come la precedente senza dover essere incollati all’insetto.

Prossima svolta per la registrazione video, potendo vedere tra i primi due la differenza tra il sensore principale e l’ultra grandangolare, nel terzo il buon lavoro dello stabilizzatore d’immagine, nel quarto il grande livello di dettaglio nella registrazione 4K e infine un campione dello slow motion a 7680 FPS, che perde molto in qualità.

Autonomia

Con una batteria da 4.200 mAh, è essenziale che il Kirin 990 5G offra una grande efficienza energetica, poiché il display da 6,58 pollici a 90 Hz promette un buon consumo. Nei nostri test siamo riusciti a raggiungere due giorni di utilizzo senza problemi, anche se senza giocare troppo. Giocando molto, dovremo passare attraverso il caricabatterie ogni sera per poter iniziare una nuova giornata fresca, ma entro i limiti previsti per le sue caratteristiche.

Dobbiamo anche notare che il suo caricabatterie da 40W effettua una carica completa in circa 1 ora, mentre possiamo scegliere di ricaricarlo in modalità wireless con un caricabatterie opzionale fino a 27W.

Conclusione

Huawei P40 Pro

L’Huawei P40 Pro ha più una fotocamera digitale che uno smartphone, anche se come smartphone non manca (quasi) nulla. Il lavoro svolto dall’azienda per la sua nuova ammiraglia è stato spettacolare in senso fotografico, in quanto il compendio di 4 fotocamere posteriori porta i risultati ai massimi livelli, soprattutto la concorrenza in questo momento. Anche la loro fotocamera frontale è eccellente, quindi gli amanti della fotografia e degli egoisti hanno un grande alleato se decidono di acquistarla.

Ma come diciamo noi, come smartphone non manca (quasi) nulla, e la prova di ciò è il suo eccellente schermo OLED da 6,58 pollici con 90 Hz e bordi curvi, che può piacere o meno, ma esteticamente è sensazionale. È vero che il suo processore Kirin 990 5G non è alla pari con lo Snapdragon 865 che la maggior parte dei suoi concorrenti ha, ma non è nemmeno necessario se non vogliamo misurare le sue prestazioni in benchmark, perché quando si tratta di questo, è totalmente competente. Ha anche molto da offrire in termini di protezione IP68, 8 GB di RAM, 256 GB di memoria interna e 5G, Wi-Fi 6 e connettività NFC.

L’Huawei P40 Pro è in vendita sul sito ufficiale a 999 euro (applicando l’attuale sconto di 100 euro) con lo smarwatch Watch GT 2e e le cuffie FreeBuds 3 in regalo.


Tenendo conto che ognuno dei regali ha un valore di circa 150 euro, è un pacchetto davvero allettante per chi è alla ricerca di un terminale fotografico di alto livello, ma contro di esso gioca in modo chiaro e difficile non avere i servizi di Google, così basilare per molte persone in questi tempi. Come nota, anche iOS non li ha e gli iPhone sono venduti ad un prezzo elevato.

Principali vantaggi
+Schermo eccellente OLED di 6,58” a 90 Hz
+Telecamere posteriori eccezionali per tutti gli usi
+Camera di Selfi a livello dei principali nel medio raggio d’azione
+8 GB di RAM y 256 GB
+5G, Wi-Fi 6 y NFC
+Protezione IP68
+Include custodia in silicone, perfetta per iniziare ad usarla senza paura
Aspetti negativi
Senza i servizi di Google, devi guadagnarti da vivere con gli APK
Prezzo non adatto a tutte le tasche
Altri aspetti
*Ottima performance del Kirin 990 5G, anche se superato dall’SD865
*Maggiore autonomia per il tuo raggio d’azione, senza essere cattivo
*Nessun jack da 3,5 mm, ma include le cuffie USB-C