Esistono molte applicazioni per registrare le chiamate che effettuiamo sui nostri telefoni Android, ma nella maggior parte dei casi non è così facile come installare e fare clic sul pulsante a causa di diverse restrizioni. Ma tutto ciò potrebbe cambiare quando Google Phone rilascerà l’aggiornamento su cui l’azienda sta lavorando, il che non è chiaro neanche che accadrà.

Per ulteriori informazioni, Google Phone (Google Phone) è una delle applicazioni Android ufficiali per effettuare chiamate telefoniche e quella fornita dalla stragrande maggioranza degli smartphone Android. Inoltre, Google Phone ha avuto a lungo il opzione per registrare le telefonate, ma non è attivato in molti mercati a causa di alcune delle restrizioni che abbiamo menzionato e che hanno a che fare con le leggi sulla protezione dei dati e altre normative sulla privacy.

Ora, su 9to5Google hanno scoperto che Google Phone non è solo in grado di registrare le chiamate: il gigante di Internet ha fatto un ulteriore passo avanti e ha abilitato la funzione di registra automaticamente le chiamate ricevute da numeri sconosciuti, cioè numeri che non vengono aggiunti all’elenco dei contatti o quelli che sono volutamente nascosti, ad esempio quelli di aziende e servizi che utilizzano reindirizzamenti.

Ma niente paura: primo, perché come abbiamo sottolineato, l’opzione di un tempo non è ancora disponibile per la stragrande maggioranza degli utenti Android e per sapere quando lo sarà, se non del tutto; e secondo, perché quando lo è, anche se si tratta di chiamate da numeri sconosciuti, purché la registrazione sia attivata tutti i partecipanti saranno avvisati nello stesso modo in cui verrà registrato.

Per quanto riguarda i file audio derivanti dalla registrazione delle chiamate tramite Google Phone, verranno salvati nella memoria interna del dispositivo, quindi se non c’è spazio disponibile la funzione non funzionerà, pena la ridondanza. Tuttavia, abbiamo già avvertito che la funzione di registrazione di base non è ancora disponibile per il grande pubblico e alcune di queste novità sono cose su cui Google sta lavorando, ma non devono vedere la luce del giorno.