Intel mostra il benchmark di un Tiger Lake-U che batte Apple M1

Il lancio del processore Apple M1 è il primo passo per l’azienda per smettere di fare affidamento su Intel. La decisione è dovuta alle vulnerabilità dei processori Intel e alla stagnazione della litografia, tra gli altri. Ebbene, Intel ha lanciato un contraccolpo confrontando un processore Tiger Lake-U con l’Apple M1 nel “mondo reale”

Intel risponde all’Apple M1 confrontandolo con un Tiger Lake-U nel “mondo reale”

Non è la prima volta che Intel utilizza l’etichetta di marketing del “mondo reale” per confrontarsi con la concorrenza. Qualche tempo fa l’hai usato per confrontarti con i processori AMD Ryzen. In questo caso hanno lanciato una serie di diapositive di benchmark in diversi scenari.

Per questo confronto, Intel ha utilizzato il processore Core i7-1185G7. Detto processore ha 4 core e 8 thread di architettura Willo Cove @ 10nm SuperFIN. Questi core funzionano a una frequenza di base di 3,0 GHz e arrivano in modalità Boost a 4,8 GHz con una iGPU Intel Iris Xe da 96 EU e un TDP da 28 W.

Per quanto riguarda il processore Apple M1, dobbiamo sottolineare che è su architettura ARM e che ha 4 core Firestorm @ 3.2GHz e 4 core Icestorm @ 2.0GHz. Questo processore è completato da una GPU con 8 core grafici e un TDP di 18W.

Secondo Intel, il suo processore per laptop è il 30% più potente in termini di produttività. Indicano anche che offre fino a 3 volte più potente nel benchmark Photo Enhaced integrato in WebXPRT 3.

Inoltre, Intel evidenzia che nel benchmark Topaz Labs, incentrato sull’intelligenza artificiale, offre fino a 6 volte più potenza rispetto all’Apple M1. Intel indica anche che il suo processore è fino al 70% più potente nella creazione di contenuti. Evidenzia il 50% di prestazioni in più in Adobe Photoshop e Lightroom Classic.

Finora un confronto si basa su strumenti più o meno realistici che verranno utilizzati comunemente. Inoltre, Intel ha voluto mostrare il suo petto contro il processore Apple M1. È vero che alcuni possono decidere di prendersi una pausa dopo una giornata di lavoro.

Il vantaggio di Intel è ovvio, poiché ci sono solo 5 giochi che possono essere giocati su sistemi basati su Apple M1. Il resto dei giochi scelti non sono attualmente compatibili con il processore Apple. Curiosamente, il processore Apple riesce a battere il processore Intel in 3 dei 5 giochi.

Infine si noti che il software per i processori Apple M1 è ancora molto verde. Molti dei software sono stati importati in fretta. Strumenti come Photoshop sono attualmente emulati su sistemi con processore Apple, il che implica una grande perdita di prestazioni.

Fonte: TH

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *