Pochi giorni fa è arrivata la notizia che Pat Gelsinger è diventato il nuovo CEO di Intel. La sfida è enorme, poiché l’azienda attualmente ha molti problemi. Per aiutarlo a risolvere i problemi ha assunto Glenn Hinton, chief architect della famiglia Intel Core Nehalem, o che è lo stesso, la prima famiglia di processori Core.

Glenn Hinton torna in Intel per sviluppare futuri processori

La cosa interessante della firma di Hinton è che tre anni fa si era ritirato. Dopo questo periodo di inattività, torna alla Intel, secondo lo stesso Hinton, influenzato da Gelsinger. Ciò suggerisce che il nuovo CEO di Intel sta lavorando per coinvolgere i suoi ex colleghi e persone di spicco del settore.

Ricordiamo che Jim Keller ha lasciato Intel alcuni mesi fa per motivi personali. Le voci suggeriscono che gli amministratori della società non hanno visto bene le loro proposte. Ora Keller è CEO di Tenstorrent, una piccola e promettente azienda canadese di chip AI.

Gelsinger conta su Hinton e non sappiamo quali altri acquisti di grandi nomi prenderà in considerazione. Il compito di riportare Intel ai vertici del settore hardware non sarà facile. Stiamo parlando di una sfida importante, poiché AMD e NVIDIA hanno un vantaggio significativo su di essa.

Il problema più grande è con le litografie Intel. Il 10nm sembra essere pronto per una massiccia produzione di chip desktop. Ora è il momento di affrontare i ritardi nel nodo 7nm. Qualche giorno fa Intel ha sottolineato che a breve avrebbero fornito dati sui grandi progressi che avevano fatto in questo nodo, per vedere se è vero, perché era anche tardi.

Dopo aver goduto di una vera pensione di 3 anni, ho deciso di tornare a lavorare in Intel (dove ho lavorato 35 anni prima), cosa mi sedurrebbe a fare una cosa del genere? Lavorerò a un entusiasmante progetto di CPU ad alte prestazioni. Il ritorno di Pat Gelsing come CEO mi ha anche aiutato a finalizzare la mia decisione di tornare.

Glenn Hinton sul suo LinkedIn

intel Glenn Hinton linkedin

Fonte: TPU