Intel venderebbe l’intera divisione GPU, con perdite per 3,5 miliardi

Se stamattina parlavamo di GPU Intel, nello specifico dell’A750 contro l’RTX 3060, date di arrivo e altre cose ad esse correlate, ora arriva un secondo colpo per chi in blu da niente di più e niente di meno che il capo della ricerca Jon Peddie che trasmette un messaggio tanto chiaro quanto complicato da digerire: il divisione AXG di Intel è stato con 5 anni perdite e già accumulare 3,5 miliardi. Intel venderà l’intera unità GPU?

Quando diciamo che AMD e NVIDIA sono due colossi nei rispettivi campi, è perché competere con loro non è solo difficile, è quasi impossibile. Intel ha passato 5 anni tra design, prototipi e prodotti finali di vario genere all’interno della sua divisione e unità AXG, ma sono tutte perdite e se due settimane fa si parlava di cancellare le GPU Arc, ora tutto va ben oltre.

Intel AXG, perdite per ben 3.500 milioni di investimenti, reddito zero

La situazione sembra insostenibile sotto tutti i punti di vista e c’è un continuo tiro alla fune tra ciò che viene detto e ciò che viene mostrato. Da un lato, Intel sembra andare avanti con le sue schede grafiche Xe HPG, mostra i risultati del ACM-G10ritarda più volte l’arrivo di Ponte Vecchio, ha cancellato Xe-HP per data center e salvato davvero il iGPU Y Un’API non c’è niente di più tangibile sul mercato.

Tutto sono promesse, date e continui ritardi, quindi l’analisi del capo di JPR fa scattare gli allarmi:

“Gelsinger non ha paura di prendere decisioni difficili e di uccidere i progetti se non producono redditività, anche i progetti che potrebbero piacergli personalmente. Il “mulino di voci” ha suggerito che la festa è finita e che AXG sarebbe il prossimo gruppo a essere demolito, anche se Koduri ha negato questa voce 50/50 Indovina, Intel potrebbe vendere e uscire da questo mercato”, ha affermato Peddie. “Se non lo fanno, la società dovrà affrontare anni di perdite mentre cerca di farsi strada in un mercato ostile e spietato”.

Se ciò dovesse accadere, cosa significherebbe per Intel farlo e da quali settori finirebbe per uscire?

Sei punti chiave e decine di progetti in corso

Laptop Intel Raptor Lake-H

La strategia di Intel con le GPU e la sua divisione AXG è enorme e copre più di quanto potremmo pensare all’inizio, e questo è probabilmente uno dei problemi per cui trascina tali perdite:

  • applicazioni di AI/DL/ML.
  • Applicazioni HPC.
  • architettura GPU competitivaa con IP per indirizzare le GPU integrate e discrete dei clienti, nonché le soluzioni personalizzate offerte IFS.
  • Potenza della GPU Banca dati per l’elaborazione e la codifica video.
  • Applicazioni di edge computing con GPU discrete o integrate.
  • unità di elaborazione ibridi per applicazioni di AI/ML e HPC.

Pertanto, parlare di XPU o soluzioni DL complesse oggi sembra più una chimera che una realtà in termini di perdite. Il problema è che sebbene non abbiano dato un solo centesimo (le iGPU non contano come tali in quanto sono all’interno delle vendite di CPU) uccidere l’intera divisione AXG Significa uscire da tutti i mercati che si stanno espandendo e per i quali si batte sulla carta.

Intel sta facendo una corsa per questo? Non lo sappiamo, ma tra presentazioni di dati, indiscrezioni varie e analisi aziendali molto serie a riguardo, questo deve finire prima o poi come dice Jon Peddie quando ha commentato che “forse le nuvole si dissiperanno alla fine di questo trimestre” . Se Intel finisce per chiudere o vendere AXG, come ha fatto con il divisione di SSD e Optane il ridicolo sarà capitale, ma meglio che sperperare denaro nel mezzo di una recessione nei semiconduttori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.