La Federal Trade Commission degli Stati Uniti aggiunge ostacoli all’acquisizione di ARM da parte di Nvidia

Nvidia Continua a incontrare più ostacoli nel suo tentativo di acquisire ARM, e l’ultimo di questi è il vero Commissione federale per il commercio degli Stati Uniti, che ha anche espresso “preoccupazioni” su cosa comporti l’acquisizione della società. È stata la stessa Nvidia a rivelare queste informazioni nei suoi documenti ufficiali legati ai risultati trimestrali.

In attesa di acquisizione di Arm Limited

L’acquisizione di Arm Limited è soggetta alle consuete condizioni di chiusura, inclusa la ricezione di determinati consensi e approvazioni governative e regolamentari e la scadenza di qualsiasi periodo di attesa obbligatorio correlato, nonché l’esecuzione da parte di Arm della riorganizzazione e distribuzione dei servizi IoT di Arm Gruppo e alcune altre attività e passività.

Stiamo cercando l’approvazione normativa negli Stati Uniti (USA), nel Regno Unito (Regno Unito), nell’Unione Europea (UE), in Cina e in altre giurisdizioni. Regolatori presso la Federal Trade Commission (FTC) degli Stati Uniti. hanno espresso preoccupazione per la transazione, e stiamo partecipando alle discussioni con la FTC in merito ai rimedi per affrontare tali preoccupazioni.

La transazione è stata oggetto di esame da parte dell’autorità antitrust cinese, in attesa dell’apertura formale del caso. Le autorità di regolamentazione del Regno Unito e dell’UE hanno respinto l’approvazione della transazione nella fase 1 dei loro processi di revisione, hanno sollevato numerose preoccupazioni, hanno avviato una revisione più approfondita della fase 2 sull’impatto della transazione sulla concorrenza e, nel Regno Unito, una revisione della fase 2 di l’impatto sugli interessi di sicurezza nazionale del Regno Unito.

Sebbene le autorità di regolamentazione e alcuni licenziatari di Arm abbiano sollevato preoccupazioni o si siano opposti alla transazione, continuiamo a credere nei meriti e nei vantaggi dell’acquisizione per Arm, i suoi licenziatari e l’industria.

Per ora sembra che pochissime persone credono che questo accordo sarà formalizzato, ed è che sempre più ostacoli che Nvidia deve affrontare.

“Continuiamo a credere che l’accordo proposto probabilmente non otterrà l’approvazione necessaria”, ha affermato in un rapporto l’analista di Wedbush Securities Matt Bryson. Barrons.

“La più grande preoccupazione continua ad essere la Cina. […] Con una relazione tra ARM e Nvidia che solleva vere domande sul rischio di concentrazione del mercato, non è semplicemente chiaro il motivo per cui la Cina potrebbe rischiare che una società statunitense prenda il controllo della proprietà intellettuale di ARM (indipendentemente dal fatto che la proprietà intellettuale sia domiciliata nel Regno Unito). “

“L’acquisizione quasi certamente non si concretizzerà prima della scadenza della data di rottura, settembre 2022, ed è probabile che induca Nvidia ad abbandonare l’accordo o a ristrutturarlo”, afferma un rapporto EnerTuition pubblicato da in cerca di alfa.

“L’acquisizione deve affrontare notevoli ostacoli normativi [y] non ha alcun vantaggio a breve e medio termine per le prospettive di crescita di Nvidia, poiché qualsiasi impegno relativo ad ARM è possibile solo tramite licenze IP. “

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.