La spedizione della GPU è aumentata dello 0,8% nel quarto trimestre del 2021 (-15% rispetto al quarto trimestre del 2020)

l’analista di mercato Jon Peddy ricerca (JPR) ha rivelato che durante il quarto trimestre del 2021 (Q4 2021) 101 milioni di schede graficheche implica una piccola crescita del +0,8 per cento rispetto al trimestre precedente, sebbene un calo del 15% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso (Q4 2020).

Le spedizioni di GPU di AMD sono aumentate dello 0,7% rispetto al trimestre precedente, mentre quelle di Intel sono aumentate dello 0,6% e quelle di Nvidia sono diminuite del 2,2%. Nvidia ha chiuso l’anno con una quota di mercato delle GPU dedicate dell’81% rispetto al 19% di AMD, il che implica un calo del 2% rispetto al terzo trimestre 2021, ovvero dell’1% rispetto al quarto trimestre 2020.

Nel caso dei responsabili del trattamento, le spedizioni sono diminuite del 21% rispetto allo stesso periodo del 2020, prevedendo un tasso di crescita annuale del 4,5% fino al 2025.

Mette in risalto

  • Il tasso di adesione globale delle GPU (che include GPU integrate e discrete, desktop, notebook e workstation) ai PC durante il trimestre è stato del 121%, in calo del -3,8% rispetto al trimestre precedente.
  • Il mercato globale delle CPU per PC è cresciuto del 3,9% trimestre su trimestre e in calo del 21% anno su anno.
  • Le schede grafiche desktop (dedicate) sono aumentate del 3,0% rispetto al trimestre precedente.
  • Questo trimestre ha visto una variazione del 22,0% nelle spedizioni di tablet rispetto al trimestre precedente.

In un anno come nessun altro, i fornitori hanno segnalato carenze di componenti, condensatori, substrati e altri articoli. Anche le aziende con un portafoglio di prodotti diversificato sono state costrette ad allocare ai vari segmenti che servivano. Nessuno ne è stato felice e sfortunatamente la prossima build per le festività natalizie, che di solito si svolge nel terzo trimestre, sarà limitata fino a quando la catena di approvvigionamento non raggiungerà la domanda.

“Le interruzioni della catena di approvvigionamento causate da COVID e aggravate dalle difficoltà di produzione di Intel hanno reso le previsioni insolitamente difficili. Alla fine di febbraio, il mondo è alle prese con le turbolenze in Ucraina e le continue mutazioni del virus. A ciò si aggiungono una forza lavoro alterata e nuove normative sull’ubicazione del lavoro, e le prospettive per il resto dell’anno sono di confusione e sorpresa”, ha affermato Jon Peddie, presidente di JPR.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.