L’alta temperatura del Ryzen 7000, problema di tensione o BIOS?

Come abbiamo anticipato settimane fa, il Ryzen 7000 aveva tutte le carte in regola per essere processori davvero caldi. I dati di qualche giorno fa erano solo un’anteprima di quello che verrà, e ora nuove fughe di notizie in qualche modo rivelano un percorso perpendicolare a quello intrapreso con il problema della temperatura. A causa di ciò, un nuovo processore ha fatto la sua comparsa rivelando le sue frequenze, i consumi e, naturalmente, le sue temperature, che sollevano dubbi. Siamo di fronte a un nuovo problema di BIOS Y voltaggio in una versione AMD con questi Ryzen 7000?

I primi dati di Ryzen 9 7950X lasciava l’amaro in bocca in generale, poiché con “solo” 230 watt le temperature erano superiori 90ºC senza alcuna difficoltà. Ha seguito la stessa strada Ryzen 5 7600X che con un PPT di 130 watt lo abbiamo visto anche a livelli di temperatura molto elevati. A quel tempo non c’era una risposta o una possibile soluzione a questi dati elevati, ma oggi potremmo avere un po’ più di luce su questo argomento.

AIDA64 mostra problemi di tensione e temperatura del Ryzen 7000

Quando si va al limite e si spinge per ridurre un GAP sfavorevole, succede che tutto si complica. Non sappiamo esattamente di quale CPU parleremo dopo, perché non è stato svelato, ma possiamo dire che ci sono due diverse configurazioni, una stock e una con voltaggio manuale.

Quello che vedi nella colonna di sinistra è la versione stock del processore, dove puoi vedere a Frequenza 5,05 GHz sostenuto, mentre il consumo è stabilito sul 122 watt in media Il problema è che le temperature salgono 93,1ºC quando i loro nuclei sono stressati UPF. Logicamente, quei consumi e quella temperatura presentano un problema gravissimo che richiama i tempi passati in altre architetture.

Per fortuna, sembra che ci sia una soluzione, almeno parziale, poiché con una regolazione manuale della tensione si supera quasi la metà del consumo (67,92 watt) e una temperatura molto più fresca di 56,5°C in media

È un problema di tensione o BIOS?

Dal momento che Ryzen è uscito come un’architettura generale sul mercato, quello che abbiamo visto nel corso delle generazioni è che AMD punta sempre la tensione di riserva per i suoi processori un po’ più in alto rispetto a Intel. Se ne è parlato molto e alla fine le conclusioni che sono state tratte negli anni sono che AMD ci prova alleviare il deficit di ASIC e chip dando qualche punto di tensione in più per mantenere la stabilità e quindi ottenere processori più capaci per wafer, potendo essere più redditizi.

Il problema è che i Ryzen 7000, a parte questo problema di temperatura, hanno già dovuto affrontare un primo ritardo con il BIOS dal 15 di questo mese al 27, dove altri fattori si sono uniti all’incontro. Quello che non sappiamo ed è possibile intuire, è che i produttori e AMD non hanno raggiunto un buon adattamento tra le fasi di alimentazione, i controller di tensione e la tensione finale sui chip.

Non è normale che i consumi si riducano di quasi la metà, così come la temperatura, in un processore stock dopo una regolazione manuale del voltaggio. di cui parleremmo tra 2,5 decimi e 3,5 decimi in più appena uscito dalla scatola per la stessa frequenza. Tieni inoltre presente che questa unità è più che probabile essere un IS e che potresti dover affrontare questi problemi che sembrano più impostazioni del BIOS che altro.

molto nello stile di Intel SA serie e soprattutto quando si applica un profilo XMP alle memorie, dove la tensione sale più di due decimi di media. Pertanto, “non lasciare il panda cunico”, è più che probabile che questo venga corretto al lancio, anche se non saranno freschi in quanto tali, secondo tutto ciò che stiamo vedendo. La parte positiva è che con solo 65 watt sembra essere totalmente stabile a 5GHz (almeno sulla carta, si stressa solo la FPU e per un brevissimo periodo), quindi se parliamo di versioni CPU per laptop, questo apre una chiusura più che importante in termini di efficienza per competere con Intel.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.