All’inizio di ottobre 2019, AMD ha lanciato il suo processore Ryzen 5 3500X come processore unico per il mercato OEM cinese, il che significa che poteva essere acquistato solo se era già integrato in un PC preassemblato. Nel marzo di quest’anno, era già in vendita nei negozi cinesi senza la necessità di acquistare un PC, e ora, sei mesi dopo, questo processore si trova elencato nei negozi degli Stati Uniti.

L’AMD Ryzen 5 3500X è un processore a 6 core, 6 fili a 3,60/4,10 GHz (rispetto al Ryzen 5 3600X a 6 core, 12 fili), che è stato progettato per danneggiare il processore di gioco entry-level più popolare di Intel, il Core i5-9400F, che condivide lo stesso numero di core e fili. All’epoca, questa CPU costava 137 euro, mentre il Core i5 è di circa 153 euro. Oggi, negli Stati Uniti, è quotata a 269,98 dollari, il che è assolutamente assurdo (il Ryzen 7 3700X vale 299 dollari).

Se ricordiamo la recensione di Ryzen 5 3500X, questo processore in produttività (PCMark 10) è fino al 4,3% più veloce dell’Intel Core i5-9400F, in compressione, codifica e rendering è fino al 34% più veloce, mentre la media è di solito dell’11%. Infine, nei giochi la CPU AMD vince con una media di 1 FPS in più. In realtà questa “release” è un po’ aneddotica, perché al giorno d’oggi, con quel prezzo, non ha senso comprare questa CPU, e ancora di più con la 4° Gen delle CPU AMD Ryzen dietro l’angolo, quindi l’intera 3° Gen scenderà di prezzo.

by: Tom’s Hardware