Le informazioni rubate da Cyberpunk 2077 e The Witcher 3 sono state messe all’asta per 7 milioni di dollari

Ciò che inizia male finisce male, oppure lo dicono CD Projekt RED, e cioè non cedere a un ricatto di soli 3.720 euro È stato molto costoso e l’azienda non ha visto come solo due giorni fa trapelato il codice sorgente di GWENT, il suo gioco di carte, ma ora è visto come in un’asta Il codice sorgente di Cyberpunk 2077 e The Witcher 3 è stato venduto.

I dati includevano i file del codice sorgente per il motore di sviluppo del gioco CD Projekt RED, il RedEngine e titoli come The Witcher 3: Wild Hunt, una prossima versione RayTracing di The Witcher 3, Thronebreaker: The Witcher Tales e Cyberpunk 2077 recentemente rilasciato.

I dati sono stati originariamente venduti all’asta sul Dark Web con un prezzo di partenza di 1 milione di dollari. con un prezzo di acquisto diretto di 7 milioni di dollari. È indicato che il venditore ha ricevuto un’offerta esterna che è stata considerata “soddisfacente”. Successivamente, ha informato che non avrebbe distribuito o venduto le informazioni in suo possesso. Per chiudere la storia, ci manca un dettaglio di grande rilevanza che forse non conosceremo mai, il conoscere chi ha messo fine a questa storia, anche se è logico pensare che avrebbe potuto essere anche CD Projekt RED quella che ha comprato il silenzio per mantenere il suo lavoro al sicuro.

L’attacco ransomware a CD Projekt RED sarebbe stato condotto da un gruppo chiamato ciao Kitty, che avrebbe pubblicato il codice sorgente del gioco di carte Gwent di CD Projekt Red su Internet prima dell’asta. Ciò è avvenuto dopo l’annuncio di CD Projekt RED chi non cederebbe alle richieste e che aveva contattato le autorità competenti, comprese le forze dell’ordine e gli specialisti di informatica forense.

attraverso: @Intel_by_KELA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.