L’errore dell’Ue con Intel costa caro: 593 milioni di risarcimenti

Concludiamo il pomeriggio con notizie su Intel, ma non si tratterà dei suoi futuri processori Raptor Lake, ma di una causa. Risulta il Commissione Europea ha condannato Intel a pagare 1.000 milioni di euro nel 2009, anche se ciò era dovuto a a errore. Pertanto, l’UE ha restituito tutti i soldi e 38 milioni di euro Che cosa interessi. Tuttavia, per Intel Era molto poco, da allora sinistri euro 593.177.661,75 di compensoNon uno in più, non uno in meno.

Tutto è iniziato nel maggio 2009, quando l’UE ha chiesto a Intel di pagare una multa di 1,06 miliardi di euro per abuso di monopolio nel mercato. Successivamente, nel gennaio 2022, il ricorso è stato annullato dalla Corte penale internazionale (TPI). Dopo questo, il 1,06 miliardi di euro sono stati ritrasferiti a Intel oltre a comprendere 38 milioni di euro di interessi, con un tasso di interesse effettivo pari a 0,29% entro un periodo di 12 anni.

Intel desidera aumentare l’interesse a un ulteriore 1,25% + 3,5% come compensazione per l’errore

Tale tasso di interesse è variato negli anni, poiché al momento della sentenza del 2009il tasso di interesse nel Banca Centrale Europea (BCE) proveniva da 1,25%ma questo si riduceva a 0% a marzo 2016. quelli di Intel non sono sciocchi, e per questo motivo si rifiutano di accettare quell’interesse aggiornato nullo e chiedono che il 1,25% originale. Ma la cosa non finisce qui, dal momento che chiede a 3,5% in più o altro appropriato sovrapprezzo come compenso.

Secondo Intel, questo è l’unico modo per risarcire il danno causato dal pagamento illecito di 1.060 milioni di euro, dove l’UE era obbligata a risarcire in base all’articolo 340 del TFUE. Per questo ora la Corte di Giustizia dell’Unione Europea (CGUE), è necessario decidere se il 1,25% dovrebbe essere applicato durante quelli 12 anni e se il totale di 4,75% degli interessi richiesti da Intel coprono il risarcimento dei danni annunciati.

Come possiamo vedere, questo genererebbe per Intel un totale di 593 milioni di euro a causa dell’errore nella domanda dell’UE, essendo quindi più di 15 volte superiore a quanto inizialmente pagato. Sorprendentemente, questo evento non è stato l’unico che si è verificato in questa zona, avendo quindi un altro caso simile che riguarda un’importante azienda.

Qualcomm potrebbe essere il prossimo a ricevere un risarcimento dall’UE

Qualcomm Fine Error EU Compensazione

Qualcomm, azienda leader nel settore dei semiconduttori e creatrice dei famosi processori Snapdragon per smartphone, ha subito una causa simile dall’UE. Quattro anni e mezzo fa, la Commissione europea ha multato Qualcomm 997 milioni di euro per abuso di posizione dominante (monopolio) su patatine LTE. In questo caso, Qualcomm ha vinto la controversia, ponendosi così in una posizione simile a quella di Intel.

Pertanto, è probabile che Qualcomm approfitterà della situazione e vedendo come la sua rivale Intel chiede un compenso molto più alto di quanto pattuito, potrebbe fare lo stesso. Ed è che, in situazioni come questa, in cui le richieste non rispettano quanto specificato o sono sbagliate, l’UE deve perdere. Tuttavia, non sappiamo ancora nulla, visto che Qualcomm al momento non ha commentato.

Il tempo dirà se Intel vince prendendo una grossa compensazione finanziaria e se Qualcomm avrà la stessa fortuna o sceglierà lo stesso percorso. Per ora, l’unica cosa chiara che abbiamo è che l’Unione europea è quella che perde in queste controversie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.