L’UE vuole che gli smartphone abbiano pezzi di ricambio per 5 anni

La Commissione dell’Unione Europea sta preparando un nuovo regolamento che colpisce ai produttori di smartphone e tablet. Ciò indica che la Commissione potrebbe richiedere almeno ai produttori di offrire 15 tipi di pezzi di sostituzione diverso per i tuoi dispositivi mobili durante un termine di cinque anni dopo il ritiro del prodotto, nell’ambito di un ampio sforzo per ridurne l’impatto ambientale.

La soluzione proposta è che produttori e venditori di telefoni siano vincolati a “riparatori professionisti” per cinque anni dalla data del recesso del mercato telefonico. Quei riparatori avrebbero accesso a parti come la batteria, lo schermo, le fotocamere, le porte di ricarica, i pulsanti meccanici, i microfoni, gli altoparlanti. e gruppi di cerniere (anche per telefoni cellulari e tablet), oltre ai relativi tutorial che facilitano l’operazione di riparazione.

Le parti di ricambio cercano di aumentare la durata ed eliminare i punti di riparazione singoli

In base alla norma proposta, gli acquirenti di smartphone dovranno anche accedere a schermi, slot per SIM e memory card, microfoni, porte di ricarica e cardini. Inoltre, istruzioni per la riparazione di tutti quei pezzi devono essere disponibili per sette anni dopo dell’ultimo giorno di commercializzazione dei dispositivi, con sistemi relativamente aperti per la registrazione e l’accesso dei riparatori professionisti.

istruzioni per la riparazione dovrebbero anche essere abbastanza estesi, comprese viste esplose, schemi di schede e cablaggio, se necessario. A questo si aggiunge anche l’accesso al software necessario per autorizzare l’installazione qualsiasi componente bloccato (componente non ufficiale).

Questo è un nuovo regolamento che verrà aggiunto ad altri recenti come il punteggio di riparabilità di dispositivi elettronici. Per non parlare di quello, dal 2024qualsiasi dispositivo che raggiunge il mercato è obbligato all’uso la porta USB-C per la tua connessione Ciò riguarda solo Apple, che dovrà aggiungere il porto per lanciare i suoi prodotti in Europa.

L’UE vuole anche utilizzare batterie di qualità superiore

Oltre ai pezzi di ricambio, la Commissione vuole obbligare i produttori a mettere a disposizione dei proprietari le batterie di ricambio. In caso contrario, devono progettare batterie che soddisfino gli standard minimi di durata.

Questi includono continuare ad avere 83% della sua capacità nominale dopo 500 cicli di carica completa. Richiede inoltre l’80% di capacità dopo 1.000 cicli di ricarica completi. Apple, ad esempio, attualmente afferma che i suoi iPhone sono progettati per mantenere l’80% della loro capacità dopo 500 cicli di ricarica.

Non sarà fino alla fine di quest’anno che sapremo cosa accadrà con questa proposta

Unione Europea - pezzi di ricambio per smartphone

Non è ancora ufficiale che questa proposta si concretizzi. Nonostante questo, è più che evidente che le aziende non sono entusiaste per festeggiare se finalmente vede la luce. Senza andare oltre, il gruppo commerciale tecnologico Digital Europe ha dichiarato al Financial Times che “l’eventuale sovrapproduzione, il successivo immagazzinamento e la distruzione dei pezzi di ricambio, comporterebbe uno spreco e prezzi più elevati per i clienti“.

Xiaomi ha affermato che, se si dovesse avverare, gli utenti dovrebbero riparare il proprio dispositivo nella tua rete di riparazione autorizzata. A questo si aggiunge l’uso di ricambi originali per garantire il qualità e affidabilità dei tuoi prodotti

“[las reparaciones] devono essere all’interno della nostra rete di riparazioni autorizzate e utilizzare ricambi originali per garantire qualità e affidabilità. Fornire parti e manuali di riparazione a riparatori professionisti di terze parti, il cui livello di conoscenza tecnica, tempi e costi di riparazione, nonché il tasso di successo sono sconosciuti, creerebbe seri rischi per i consumatori in termini di qualità, sicurezza e protezione dell’azienda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.