Se Microsoft acquista Activision, Call of Duty sarà su PlayStation solo per 10 anni

È da un po’ di tempo che si parla dell’accordo di acquisto di Activision Blizzard da parte di Microsoft. Non è da meno, perché ricordiamo che è stato nel gennaio di quest’anno quando abbiamo appreso la notizia che Microsoft aveva pagato 68.700 milioni di dollari per Activision Blizzard, l’accordo più costoso nel settore dei videogiochi. Ora torniamo con un nuovo episodio in cui Microsoft vuole fare l’ultimo passo per acquisire Activisionpoiché offrirà concessioni ai regolatori dell’UE per provare quello approvare la decisione di acquisto della compagnia.

A metà gennaio 2022, il acquisizione di Activision Blizzard + Re dal colosso Microsoft. Tuttavia, l’acquisto non è stato immediato, poiché logicamente deve passare attraverso tutti i legislatori e questi danno la loro approvazione. Ricorderemo casi come NVIDIA che ha provato ad acquistare Arm, dove proprio qui non è stato possibile. Ed è che, quando parliamo di società con così tanto potere, l’acquisizione di un’altra società creerebbe una situazione di monopolio e sarebbe considerata un pratica anticoncorrenziale.

Microsoft vuole offrire un contratto di licenza di 10 anni con Sony

Microsoft ha cercato di acquisire Activision Blizzard per molto tempo e tutto ciò che trova sono problemi e rregolatori che non sono disposti a votare a favore. Abbiamo già visto in numerose occasioni come gli sia stata negata l’acquisizione di Activision perché considerata un pericolo per l’industria. Infatti quando Sony ha avvertito di quanto fosse importante la saga di Call of Duty, le cose sono andate male per Microsoft. Ricordiamo che Sony ha iniziato a elogiare CoD come un franchise di giochi che non aveva rivali in termini di vendite. Mi spingo ad affermare che se Microsoft acquisisse Activision, questo sarebbe un motivo sufficiente I giocatori PlayStation passeranno a Xbox per giocare.

Ed è quello, si temeva che Microsoft avesse i giochi della saga Esclusive di Call of Duty per la tua console, ma per fortuna non è così. In primo luogo ha assicurato che questi continueranno ad arrivare su PlayStation per alcuni anni dopo l’acquisizione dell’azienda. Ma essendo questo insufficiente, ora Microsoft è disposta a offrire a accordo di 10 anni di licenza con Sony per la PlayStation per avere giochi Call of Duty durante quel periodo. Questa sarebbe l’ultima mossa di Microsoft per convincere i regolatori dell’UE a dare il via libera all’acquisizione di Activision Blizzard.

L’UE deve decidere su Microsoft prima dell’11 aprile 2023

Microsoft acquisisce Activision Blizzard

Microsoft è nel mirino degli organismi di regolamentazione di tutto il mondo. Ora alcuni paesi sono stati favorevoli all’acquisizione e gli altri sono in attesa di osservare i cambiamenti per vedere se sono d’accordo. Per il momento, del 16 regolatori che stanno rivedendo l’accordo, solo l’Arabia Saudita e il Brasile l’hanno approvatoanche se è previsto che serbo essere il prossimo. Nel frattempo, nell’UE la situazione è difficile, dal momento che la Commissione europea ha avviato ufficialmente a novembre un’indagine per vedere se l’acquisto sarebbe un pratica anticoncorrenziale.

Ora che Microsoft ha annunciato questo accordo decennale con Sony, forse i regolatori dell’UE stanno finalmente iniziando a vedere le cose in modo diverso. Certo, dovremo aspettare, perché dovrà governare l’organismo di controllo della concorrenza dell’UE prima dell’11 aprile 2023quindi mancano ancora mesi.

“Sony, in qualità di leader del settore, afferma di tenere a Call of Duty, ma abbiamo detto che ci impegniamo a rendere disponibile lo stesso gioco lo stesso giorno. sia su Xbox che su PlayStationun portavoce di Microsoft ha detto a Reuters: “Vogliamo che le persone abbiano più accesso ai giochi, non meno”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *