TSMC annuncia che il suo 2nm entrerà in una fase di produzione di massa entro il 2025

Alla sua chiamata sugli utili del primo trimestre, TSMC ha rivelato che la produzione in serie del suo processo di produzione più avanzato, il 2 nm (N2), che debutterà con un nuovo design di transistor GAA (Gate All Around) per migliorare l’efficienza energetica e la densità, inizierà la sua produzione di massa qualche volta nel 2025, essendo un anno prima quando è previsto un tape-out. Il termine “tape-out” si riferisce ai progettisti di chip che finalizzano i loro progetti prima di inviarli alla fabbrica per il perfezionamento o la produzione.

Come già rivelato, i 3 nm continuano la loro strada senza subire alcun ritardo, in attesa del tape-out per la fine di quest’anno.

Secondo quanto riferito, N2 è il primo processo TSMC a utilizzare transistor GAA (gate all-around) invece di FinFET (transistor ad effetto di campo a pinna). Samsung ha già iniziato a utilizzare la sua versione di GAA e Intel prevede di lanciare la sua versione nel 2024. Un analista ha chiesto informazioni al presidente di TSMC, ma ha rifiutato di commentare.

I dirigenti di TSMC sono stati più espliciti riguardo alla prossima famiglia di chip a 3 nm. Nella seconda metà di quest’anno, TSMC metterà in produzione il processo N3. Un anno dopo, o forse prima, sarà pronto per mettere in produzione il processo N3E, che è una versione “più performante e più potente” di N3.

TSMC prevede che l’HPC (high performance computing) sarà il segmento in più rapida crescita quest’anno. Nell’ultimo trimestre ha generato il 41% dei suoi ricavi, poco più degli smartphone, che ne hanno generato il 40%. IoT e automotive si collocano al terzo e quarto posto, generando rispettivamente l’8% e il 5% dei ricavi.

attraverso: Tech Power Up

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.